Coelum Astronomia 225 - 2018 - Page 67

www.coelum.com

67

controparte elettromagnetica ad alte frequenze. Sulla base delle correnti teorie di produzione di neutrini, la loro emissione è accompagnata da fotoni di altissima energia quindi osservabili in particolare nelle bande X e gamma.

Così, prontamente, il telescopio spaziale Fermi (un satellite della NASA, ma che ha anche una forte componente italiana di ASI, INAF e INFN, dedicato proprio allo studio del cielo nei raggi gamma) ha subito puntato i suoi rivelatori verso la regione di cielo interessata dall’evento (una regione di circa mezzo grado, quindi grande quanto la Luna in cielo). Questa osservazione tempestiva ha permesso ai ricercatori di individuare con buona precisione la posizione di una sorgente con emissione significativa ed aumentata nei raggi X e

Blazar

Un blazar è una galassia con un nucleo attivo con al centro un buco nero di grande massa (almeno 1 miliardo di masse solari), simile quindi a un quasar, ma con la peculiarità di avere un potente jet estremamente collimato proveniente dal nucleo. Il jet emette anche particelle relativistiche perpendicolari all’asse del disco di accrescimento del buco nero e la sua radiazione è di natura non termica (tipicamente emissione di sincrotrone e Compton inverso).

Da questo jet viene proviene una forte emissione sia nelle radio frequenze sia alle alte energie (raggi X e gamma). Ma oltre a queste caratteristiche, vi è anche l’ulteriore peculiarità che la direzione del jet è quasi allineata lungo la linea di vista dell’osservatore. Tutto ciò rende questo tipo di oggetti (noti anche come oggetti di tipo BL Lacertae) estremamente esotici e, per certi versi, difficili da studiare. La forte emissione proveniente dal jet infatti è così intensa da nascondere quella proveniente dalla galassia che ospita il buco nero.

Sopra. Illustrazione artistica della regione centrale di un nucleo galattico attivo: il buco nero supermassiccio centrale, tipicamente trovato al centro delle galassie, è circondato da un disco di accrescimento caldo e da un toro di polvere. Perpendicolarmente, dai poli del buco nero, emergono dei jet di particelle relativistiche che si estendono a grandi distanze. Quando un jet punta la direzione della terra, il nucleo galattico attivo viene detto blazar. Crediti: ESO/L. Calçada