Coelum Astronomia 225 - 2018 - Page 41

www.coelum.com

41

Sopra. Un’impressione artistica di Marte parzialmente coperto di acqua. Oggi Marte è un pianeta arido e secco ma in un lontano passato l’acqua liquida poteva essere presente con facilità sulla sua superficie.

Mars Express è una missione dell’ESA, l’agenzia spaziale europea. La sonda, in orbita intorno a Marte dal 2004, è dotata di diversi strumenti per lo studio dell’atmosfera e del suolo marziano. Tra questi in particolare il radar MARSIS, contributo principalmente italiano, è in grado di individuare ghiaccio ed acqua liquida sotto la superficie del pianeta, fino a circa 3 km di profondità. Il ghiaccio e in misura molto maggiore l’acqua liquida infatti riflettono molto bene le onde radio, molto di più di quanto faccia qualsiasi tipo di roccia.

Già nel 2009 i primi dati di MARSIS avevano evidenziato la presenza di diversi strati ghiacciati sepolti sotto la superficie del pianeta, ed alcuni echi particolarmente intensi suggerivano la presenza di acqua sotto i ghiacci polari, ma la possibilità che si trattasse di un falso segnale rimaneva alta. Per escluderlo ci sono voluti tre anni di osservazioni ripetute, tra il 2012 e il 2015, ed altri due di paziente analisi dei dati raccolti da parte del team guidato da Roberto Orosei.

Al di là delle implicazioni per la possibile presenza di vita (comunque difficile a quelle temperature e concentrazioni di sali), la presenza di acqua liquida sotto la calotta polare marziana è importante per ricostruire la storia del clima del pianeta. Come sulla Terra, i ghiacci polari conservano informazioni importanti sul clima passato, ma la loro conformazione, e storia, cambia se questi possono scivolare su uno strato di acqua liquida. Questa scoperta quindi ci aiuterà a conoscere meglio il passato di Marte.