Coelum Astronomia 225 - 2018 - Page 146

Giove

Mag. da –1,9 a –1,8; Diam. da 34,8’’ 32,7’’

Osservabile nella prima parte della notte

In settembre Giove risulterà una compagnia solo serale e lo potremo scorgere non appena il cielo sarà sufficientemente scuro, nella costellazione della Bilancia. Il grande pianeta è diretto verso la congiunzione con il Sole, ormai sempre più vicina, del prossimo novembre e, pertanto, le sue condizioni di osservabilità si stanno facendo rapidamente sempre più sfavorevoli. A inizio mese tramonterà alle 22:30 circa, orario che sarà anticipato alle 20:51 a fine mese: non avremo molto tempo per osservarlo e sarà comunque molto basso sull’orizzonte di sudovest.

Saturno

Mag. +0,4 a +0,5; Diam. da 39,4’’ a 37,6’’

Osservabile nella prima parte della notte

In settembre potremo trovare Saturno ancora tra le bellissime stelle del Sagittario: il 6 settembre sarà stazionario, per riprendere poi il suo moto diretto. Con il passare dei giorni lo vedremo quindi ritornare sui suoi passi e riavvicinarsi alla stella Mu Sgr (mag. +3,8).

Anche se sarà possibile osservare il grande pianeta per buona parte della notte, le sue condizioni di osservabilità sono in progressivo peggioramento. A metà mese, Saturno culmina alle ore 19:45, con il cielo ancora illuminato dal Sole, raggiungendo i 25,3° per tramontare poi alle 0:23, orario che viene anticipato di circa un’ora a fine mese.

Il giorno 17 sarà in congiunzione con la Luna (fase 58,2%).

Urano

Mag. +5,7; Diam. 3,7’’

Osservabile tutta la notte

Il remoto pianeta, in settembre, si renderà disponibile alle osservazioni già nella prima serata, sorgendo alle 21:44 a inizio mese, orario anticipato alle 19:48 a fine mese. Il pianeta è molto tenue (mag. +5,9), ma le condizioni di osservabilità sono in netto miglioramento, con un diametro angolare apparente pari a 3,7": si sta avvicinando l’opposizione, per la quale però dovremo attendere la fine di ottobre.

Per vedere Urano ci servirà un buon binocolo o, meglio, un telescopio: lo troveremo nella costellazione dei Pesci, a circa 4° a ovest di Omicron Piscium (mag. +4,25), nella regione di confine con l’Ariete e la Balena.

Nettuno

Mag. +7,8; Diam. 2,4’’

In opposizione, osservabile tutta la notte

Servirà un buon telescopio per vedere Nettuno, che apparirà comunque come un debole disco azzurrino: la sua magnitudine è davvero ridotta (+7,8) e il diametro apparente toccherà il valore di appena 2,4’’. Nonostante i valori così scarsi, è un ottimo periodo per l’osservazione del remoto pianeta, che il giorno 8 settembre sarà in opposizione con il Sole. Lo troveremo nell’Acquario, a circa 3° a sudovest della stella Lambda della costellazione (mag. +3,7). A metà mese culminerà alle 00:43, a una altezza di poco più di 41° sull’orizzonte, per anticipare alle 23:38 a fine mese: troveremo quindi Nettuno sempre più alto già in prima serata, osservabile al meglio in orari comodi.

Coelum Astronomia

146