Coelum Astronomia 225 - 2018 - Page 112

Coelum Astronomia

112

Possibili punti di collaborazione tra professionisti

ed amatori

Per coloro che già si occupano di spettroscopia, o che intendono occuparsene in futuro in modo più impegnativo, riassumo i possibili punti di convergenza tra attività amatoriali e professionali:

Spettroscopia stellare

Eventi transienti. Oggetti relativamente brillanti (mag. < +9) per i quali è critica l’acquisizione tempestiva di spettri con campionamento temporale (ad esempio Nova Eridani 2009, Nova Delphini 2013, etc.). Tenuto conto che non sempre gli Osservatori professionali hanno la possibilità di osservare al momento giusto e con la cadenza necessaria, le osservazioni amatoriali potrebbero colmare i vuoti nelle osservazioni.

Monitoraggi di stelle variabili note, regolari, semiregolari o irregolari. Tali oggetti non sono in genere seguiti dai professionisti, in quanto il tempo telescopio è prezioso (e costoso) e la possibilità di scoprire qualcosa è bassa.

In questo settore la misura più facile da effettuare amatorialmente è la larghezza equivalente (EW) delle righe in emissione, che si può ottenere anche con un semplice reticolo a trasmissione posto nel fascio convergente del telescopio – che può essere anche uno dei diffusissimi Schmidt-Cassegrain da 20 cm a f/10 per magnitudini intorno alla +9-10.

Possibili monitoraggi: stelle variabili, stelle di tipo BE, stelle di tipo Wolf Rayet e stelle binarie.

Spettroscopia solare

Un discorso a parte riguarda la spettroscopia solare, per la quale, come detto, il livello di sofisticazione della strumentazione (gli spettrografi solari professionali utilizzano risoluzioni ben oltre R = 100.000) e delle procedure tecniche è elevato e la possibilità di un concreto aiuto al campo professionale alquanto limitata.

Uno dei settori di intervento è appunto la misura dei campi magnetici delle macchie solari, oggi effettuato dai grandi Osservatori basati a terra e dalle strumentazioni satellitari. In ogni caso, attività del genere vanno oltre le usuali motivazioni dell’amatore e richiedono un impegno, un livello di conoscenza tecnica ed un coinvolgimento ben superiore a quello medio.

Un altro settore potrebbe essere il monitoraggio

A destra. La Torre Solare dell'Osservatorio Astronomico di Roma a Monte Mario, incastonata nel verde del parco. Crediti: INAF