Coelum Astronomia 224- 2018 - Page 71

Sebbene ostico all’inizio, il parametro Ls permette di capire immediatamente in quale periodo dell’anno marziano ci troviamo. Conoscere questo valore significa quindi avere un’idea della possibile fenomenologia in corso e dello stadio di formazione/sublimazione delle calotte.

L’angolo iniziale, 0° Ls, corrisponde all’equinozio primaverile, ovvero l’istante in cui il Sole, salendo in declinazione, sembra attraversare l’equatore celeste marziano (in pratica, il punto γ per un osservatore marziano). Pertanto, per l’emisfero settentrionale 90° Ls è il solstizio d’estate, 180° Ls l’equinozio autunnale, e così via. Ovviamente, le stagioni sono invertite per l’emisfero meridionale.

Dal momento che l’anno marziano è di circa 687 giorni terrestri – quasi due volte il nostro – le

stagioni del Pianeta Rosso sono proporzionalmente più lunghe. Ma mentre le stagioni sulla Terra presentano una durata pressoché identica (lo scarto tra la stagione più lunga, l’Estate, e quella più corta, l’Inverno, è di soli 4,5 giorni), quelle marziane possono variare fra loro anche di 52 giorni a causa della più elevata eccentricità orbitale.

Sopra. Lo schema mostra l’avvicendarsi delle stagioni su Marte, con riferimento all’emisfero nord. È riportato anche il valore di Ls corrispondente per gli equinozi e solstizi. Crediti: NASA/Coelum Astronomia

Il Parametro "Ls"

www.coelum.com

71