Coelum Astronomia 224- 2018 - Page 216

dopo, in dicembre, la trovò leggermente più a sud e si accorse che ogni 3 giorni la sua declinazione diminuiva di 1” d'arco, nella direzione opposta a quella che poteva essere dovuta al movimento della Terra. L'imprevisto e inesplicabile andamento delle misure, che continuò per anni, lo indusse a cercare tutte le cause di errori sistematici o strumentali, cercando di eliminarle una dopo l'altra. Annotava non solo i dati, ma le condizioni di osservazione come la temperatura e il comportamento del telescopio sotto sollecitazione, sperando di individuare un effetto strumentale.

La soluzione gli apparve improvvisamente durante una gita in barca: era una giornata di brezza eppure, quando la barca girava, il vento passava da dritta a sinistra. La Terra era come la barca e il vento esattamente come il raggio di luce di Eltanin!

Nel 1729 annunciò la scoperta dell'aberrazione della luce davanti alla Royal Society. A seconda della posizione della stella in cielo, la piccola ellisse apparente disegnata durante il corso dell'anno poteva raggiungere anche i 40” d'arco di ampiezza. Non solo: egli poté, di conseguenza, determinare anche il valore della velocità della luce e il tempo che essa impiega per giungere alla Terra dal Sole, 8' 13”. Grazie all'ampiezza e al dettaglio dei suoi resoconti, i dati acquisiti da Bradley vennero elaborati fino al 1903.

Prima di lasciare Eltanin, facciamo un breve salto… in un lontano futuro: tra circa 1,5 milioni di anni, il moto di Eltanin nello spazio la porterà a soli 28 anni luce dal Sistema Solare, portando la stella del Drago a divenire la più brillante della volta celeste!

Non lontana da Etamin, nei pressi della stella di quinta grandezza 30 Dra, è presente NGC 6478, una piccola galassia a spirale dalle braccia moderatamente aperte. Di tredicesima grandezza,

La galassia NGC 6478. Crediti: DSS2

Coelum Astronomia

216