Coelum Astronomia 224- 2018 - Page 206

Al di là delle regioni oscure dell’area di cielo che stiamo osservando “a est di Deneb”, abbiamo visto nella prima immagine apparire una nuova regione in emissione in H-alfa, presso il suo confine destro, in basso. È l’inizio della regione chiamata il Pellicano, vediamola nella sua interezza con il telescopio a grande campo ASTRA #4, nei filtri dell’idrogeno, zolfo e ossigeno, sfruttando completamente il grande campo dello strumento.

Iniziano a sorgere le costellazioni che incontreremo alte nel cielo di Autunno, Pegaso e Andromeda.

Spostiamoci verso sud, vedremo le costellazioni di Acquario, Capricorno e Sagittario. Proprio intorno al Meridiano, poco sopra l'orizzonte, il bellissimo Scorpione (impressionante l'aculeo che si innalza alla sua sinistra) con l'immensa gigante rossa Antares, e, più in alto, le costellazioni di Ofiuco e del Serpente, Testa e Coda.

Verso nord, Cefeo e Cassiopea si innalzano verso lo zenit.

Coelum Astronomia

206

Sopra. A destra della regione oscura ricca di polveri di carbonio e silicio e della Nord America ecco delinearsi il Pellicano (IC 5070). Un’altra estesa distesa di gas di idrogeno in emissione con giovani stelle immerse, osservata nella luce dell’HSO. Telescopio Remoto ASTRA #4. (Takahashi Sky 90, 405 mm/4.5 & SBIG ST10XME su EQ6, Traversella, TO). Massimo Tatarelli.