Coelum Astronomia 223 - 2018 - Page 183

30

29 giugno 2018

01:00 - La Luna alla massima declinazione sud (–21° 33’).

14:20 - La Luna all'apogeo: massima distanza dalla Terra (411 854 km; diam. = 29' 00").

www.coelum.com

Note all’utilizzo del calendario degli eventi: nella tabella vengono fornite data e ora (in TMEC = Tempo Medio dell’Europa Centrale) dei principali fenomeni celesti del mese, nonché le ricorrenze di avvenimenti storici correlati all’astronomia e all’esplorazione spaziale. Dove non diversamente specificato, gli orari e i dati degli eventi riportati sono da intendersi topocentrici, ovvero riferiti alla posizione geografica di un osservatore posto a Long. 12° est; Lat. 42° nord; inoltre, le congiunzioni sono in riferimento altazimutale. Si prenda nota del fatto che gli istanti relativi a fenomeni quali le occultazioni asteroidali e lunari, possono variare di qualche minuto per un osservatore la cui posizione si discosti da quella indicata. Le distanze angolari degli oggetti celesti sono da intendersi calcolate da centro a centro. Sono riportate le opposizioni di tutti gli asteroidi la cui luminosità apparente risulti inferiore alla mag. +12; per dist. si intende la distanza dalla Terra. Dove si riporta l’Angolo di Posizione AP di un oggetto rispetto ad un altro si deve intendere contato a partire da nord, in senso antiorario.

29

30 giugno 2017

05:55 - Minima librazione lunare (1,1°; AP = 236°).

10.30 - MGL.

12:28 - La Luna al nodo discendente.

30 GIUGNO 1908: 110 anni fa l'evento di Tunguska.

31 maggio 2018

23:55 - La Luna (h = 13°; fase = 95%) passa 1,5° a nord di Saturno (m = +0,3).

31

183

In questa immagine la galassia NGC 6744, a circa 30 milioni di anni luce di distanza. È una delle 50 galassie osservate come parte del Legacy ExtraGalactic UV Survey dell'Hubble Space Telescope (LEGUS), la ripresa più nitida e completa in luce ultravioletta delle galassie con attività di formazione stellare nell'Universo vicino. Una straordinaria risorsa per comprendere le complessità della formazione stellare e dell'evoluzione delle galassie. Il catalogo ottenuto contiene circa 8000 ammassi e 39 milioni di stelle blu calde.

L'immagine è una somma di più riprese in luce ultravioletta e luce visibile, raccolte con la Wide Field Camera 3 e l'Advanced Camera for Surveys. di Hubble. Crediti: NASA, ESA e il team LEGUS