Coelum Astronomia 223 - 2018 - Page 165

www.coelum.com

165

Sotto. M 13, l’immenso ammasso globulare in Ercole. Grande 145 anni luce, contiene 600.000 masse solari. Un milione di soli, nati 11,7 miliardi di anni fa, che oggi vediamo come giganti rosse e nane rosse. Oltre il grande Disco della Galassia, nello spazio intergalattico a 22.000 anni luce dalla Terra. Telescopio Remoto ASTRA #1(Ritchey-Chrétien, 1354 mm/5.4 & SBIG ST8XME su GM2000, Vidor, TV). Enzo Pedrini.

In basso. Più lontano e più piccolo in dimensioni reali rispetto a M 13, ecco M 92, 500.000 soli a 30.000 anni luce dalla Terra. Telescopio Remoto ASTRA #1(Ritchey-Chrétien, 1354 mm/5.4 & SBIG ST8XME su GM2000, Vidor, TV). Giorgio Bianciardi.

ammasso globulare M 13. Si intravede già a occhio nudo, ma un piccolo binocolo ce lo mostrerà evidente come una nuvoletta rotonda. Meraviglioso appare al telescopio remoto ASTRA #1 (subito qui sotto).

Ci allontaniamo ora ancor di più per attraversare lo spazio intergalattico: siamo a 30.000 anni luce dalla Terra, sempre nel cielo di Ercole. Ecco M 92, ancora osservabile con un piccolo binocolo (mag. +6,3) come una piccola e tenue nuvoletta posta tra la testa del Dragone e il torace di Ercole, che si rivela nella sua ricchezza di stelle rosse che si affollano al centro in un’unica sfera luminosa al telescopio remoto ASTRA #1 (immagine più in basso).