Coelum Astronomia 223 - 2018 - Page 107

www.coelum.com

107

Una caratteristica interessante di questa flotta di satelliti è che questi, essendo dotati di tre antenne con grandi superfici riflettenti, in certe condizioni riescono a deviare sulla Terra la luce solare che li investe direttamente producendo un inconfondibile bagliore luminoso di qualche secondo (denominato per l’appunto “Iridium Flare”), visibile a occhio nudo di notte, anche nelle città afflitte da un forte inquinamento luminoso.

Questo fenomeno è oggi ben conosciuto a un grandissimo numero di astrofili in tutto il mondo e non sono rare fotografie suggestive che lo riprendono dai più disparati angoli del pianeta.

Sotto. A sinistra. La rete dei 66 satelliti Iridium che avvolge la Terra è stata strutturata in modo da avere sempre almeno un satellite al di sopra dell’orizzonte dell’osservatore. A destra. Lo schema di un tipico flare Iridium, il più delle volte dovuto a un particolare angolo di riflessione delle antenne, capaci di riflettere la luce del Sole (ma anche quella della Luna!) verso Terra in un punto identificabile a priori.