Coelum Astronomia 222 - 2018 - Page 70

Coelum Astronomia

70

Sottosopra

Il commento di Claudio Elidoro

Stavolta comincio con una citazione (dal film “Amici Miei”):

- Cos’è il genio?

- È fantasia, intuizione, colpo d'occhio e velocità d'esecuzione.

Ecco, ce n’è a sufficienza per dire che Maroun Habib, autore dell’immagine proposta da APOD il 13 marzo scorso, è un genio. Il solo progettare una simile immagine merita applausi a scena aperta. Che continuano senza calare di intensità una volta chiuso il sipario.

Ovviamente siamo di fronte a un fotomontaggio. Ma non nel senso negativo del termine, intendendo cioè un’immagine che deforma e

travisa la realtà, ma nella sua accezione più semplice e positiva di collage di due distinte immagini. Scattata una prima fotografia del cielo notturno estivo visibile nel giugno 2017 in Libano, l’autore ha attraversato mezzo mondo per giungere in Cile e, sei mesi più tardi, riprendere anche quel cielo estivo. Poi il lavoro di montaggio, capovolgendo l’immagine cilena – compresa l’automobile che il fotografo aveva voluto includere nello scatto – e incollandola sotto a quella libanese. Qualche lieve ritocco nella zona di confine, et voilà!

Per farla breve: ciascuno dei due scatti ha catturato il cielo notturno proprio in direzione opposta rispetto all’altro. Una volta riunite le due immagini, ecco che possiamo apprezzare l’intera banda centrale della nostra Via Lattea che descrive un

meraviglioso cerchio di stelle. Un’immagine fantastica che non mi era mai capitato di incontrare: geniale!

Molto facile individuare, nello scatto cileno, la Grande nube di Magellano, considerata finora la più importante delle numerose galassie satelliti della nostra. Recenti misure della sua velocità nello spazio, però, sembrerebbero indicare che non possa essere un satellite della Via Lattea: si muoverebbe troppo velocemente.

La Grande nube dista 163 mila anni luce da noi e la sua massa ammonta a circa un decimo di quella della Via Lattea. Ora ha l’aspetto un po’ dimesso di irregolare raggruppamento di stelle, ma in un