Coelum Astronomia 222 - 2018 - Page 54

Coelum Astronomia

54

situazione statisticamente inaccettabile, per la quale non vi poteva essere spiegazione se non ipotizzando di trovarsi dinanzi a un sistema stellare autonomo in tutto simile alla Via Lattea, dunque caratterizzato da un tasso di produzione di novae che poteva essere differente dal nostro. Tutto da spiegare, inoltre, l’anomalo effetto Doppler che affliggeva, arrossandoli, gli spettri di molte galassie.

È fuori strada chi pensa che quel dibattito (virtuale) sfociò nella proclamazione unanime di un vincitore. Come talvolta accade, infatti, ciascuna delle due posizioni conteneva sia concetti corretti che idee sbagliate. Oggi sappiamo che le dimensioni del disco della Via Lattea si aggirano intorno ai 100 mila anni luce, il che significa che sia Shapley che Curtis erano fuori strada, il primo per eccesso e il secondo per difetto. Riguardo poi alla posizione del Sole, Curtis

lo collocava in prossimità del cuore del sistema,

mentre per Shapley era molto decentrato.

Il nodo profondo del problema, però, era la vera natura delle nebulose. Fortunatamente la soluzione del dilemma era a portata di telescopio. Si

trattava

solamente di

attendere, neppure un lustro dopo il Grande Dibattito, l’entrata sulla scena di Edwin Powell Hubble (1889-1953).

Il Grande Dibattito: l’epilogo

Pochi anni dopo il “Grande Dibattito”, finito senza vinti né vincitori per la mancanza di dati osservativi capaci di risolvere la questione delle distanze, Edwin Hubble (1889-1953) risolve in stelle i bracci della nebulosa di Andromeda e, trovate delle variabili Cefeidi, applica la relazione periodo-luminosità per calcolarne la distanza in 800.000 anni luce.

Era la prova definitiva a favore di quanto asseriva Curtis: le “nebulose a spirale” sono sistemi esterni alla nostra Galassia. Tutto questo fu possibile soltanto grazie al nuovo grande strumento da 2,5 metri di Mount Wilson (il famoso 100 pollici, battezzato con il nome del mecenate John Hooker), inaugurato nel 1918.

Sopra. Edwin Powell Hubble (1889-1953)