Coelum Astronomia 222 - 2018 - Page 31

Dopo un rinvio di due anni, la sonda NASA InSight ha raggiunto, a inizio marzo, il sito di lancio presso la Vandenberg Air Force Base in California in vista della partenza per Marte, prevista per il 5 maggio prossimo. Raccoglierà indizi sulla storia evolutiva della struttura interna del Pianeta Rosso.

A causa di problemi riscontrati nel sismometro di cui è dotata, il lancio della sonda InSight, inizialmente previsto per il marzo 2016, era stato rinviato per un periodo che si presupponeva decisamente lungo, a fronte del traguardo imminente sulla cui soglia era arrivata poco più di due due anni fa. Il 9 marzo del 2016 infatti la NASA rilasciava la nota ufficiale secondo cui l’obiettivo per il lancio della sonda sarebbe slittato a maggio 2018, e per il momento tale è rimasto.

La finestra di lancio di InSight si apre quindi il 5 maggio alle 11:05 GMT (le 13:05 ora italiana) e si estende per due ore. Se il lancio dovesse effettivamente avvenire, la sonda arriverà quindi su Marte il prossimo 26 novembre.

Il veicolo spaziale avrebbe dovuto essere lanciato nel marzo di due anni fa, ma i problemi che hanno coinvolto l’isolamento della tenuta a vuoto di un sismometro, hanno costretto la NASA a posticipare la missione. Siccome le opportunità di lancio per Marte arrivano una volta sola ogni 26 mesi circa, quando i pianeti si trovano nelle posizioni relative più convenienti nel Sistema Solare, considerando i tempi di risoluzione del problema, il lancio è stato posticipato di quasi due “finestre”, posizionandosi a maggio di quest’anno. I sensori del sismometro sono stati controllati e sono ora in buono stato, il loro involucro è ora correttamente sigillato e sono pronti per il liftoff.

Sarà la prima sonda planetaria a partire dalla base aerea di Vandenberg. Verrà lanciato sulla versione più leggera della famiglia Atlas V, nota come configurazione “401”, senza razzi a propellente solido e carenatura del carico utile di quattro metri. La missione poteva partire sia dalla Florida che dalla California, ma ULA e NASA hanno

www.coelum.com

31