Coelum Astronomia 222 - 2018 - Page 191

Durante la manifestazione sarà possibile osservare il Sole e i pianeti con potenti telescopi, ascoltare i rapaci notturni, partecipare a laboratori didattici sui meteoriti, registrare gli ultrasuoni emessi dai pipistrelli al tramonto, vedere gli ultimi modelli delle attrezzature astronomiche presentati dai principali operatori del settore, effettuare esperimenti di fisica, ascoltare conferenze sulle onde gravitazionali, visitare una mostra sulla biodiversità

e la citizen science, partecipare alla raccolta dati su specie rare nel parco insieme ai ricercatori, informarsi sull’inquinamento luminoso e molto altro.

Sarà previsto certamente un evento per la “Base Geodetica di Padre Secchi sull’Appia Antica” (Parco Regionale Appia Antica), nell’ambito delle celebrazioni del Bicentenario. L’iniziativa sarà collegata alla promozione del “Cammino dei Parchi” che tocca diverse aree protette del Lazio.

Sempre al Parco dell’Appia Antica, nei tre giorni di “Cielo di Roma”, si terrà un ampio programma di conferenze scientifiche divulgative (a cura di Università Roma Tre, INAF-Osservatorio Astronomico di Roma, Accademia delle Stelle, ARA, Virtual Telescope e altri) con temi che spaziano dall’archeoastronomia, alla storia del tempo in astrofisica, dai restauri dei telescopi storici dell’Osservatorio Vaticano alle meridiane ed orologi

solari, dal Pendolo di Focault di Padre Angelo Secchi alla spettroscopia telescopica. La manifestazione verrà aperta con una conferenza stampa del Presidente del Parco, il famoso geologo Mario Tozzi.

Sono previsti due momenti principali.

Il primo sarà, sabato 26 maggio alle ore 10:30, un seminario sullo sviluppo dell’astro-turismo in Italia e soprattutto nel Lazio. Il seminario ha lo

www.coelum.com

191