Coelum Astronomia 222 - 2018 - Page 157

Cratere Bailly: la denominazione venne assegnata nel 1802 da Schroter dedicata allo scienziato e politico francese Jean Sylvain Bailly (1736-1793) che nel 1763 fu Membro dell'Accademia delle Scienze e autore di varie pubblicazioni di carattere astronomico.

Cratere W. Bond: il nome venne assegnato da Birt e Lee nel 1865 e dedicato a William Cranch Bond (1789-1859) direttore dell'Osservatorio di Harvard e pioniere in materia di fotografia astronomica.

Cratere Timaeus: nome assegnato da Langrenus dedicato allo storico greco del V° secolo a.C. Timeo Timaios.

Cratere Epigenes: il nome fu assegnato da Riccioli nel 1651 dedicato all'astronomo greco del IV° secolo a.C. Epigene.

Cratere Archytas: nome dato da Langrenus e dedicato allo scienziato e statista greco del V° secolo a.C. Archytas (429-247 a.C.)

Cratere Barrow: nome assegnato da Langrenus e dedicato al matematico e teologo inglese del 17° secolo Isaac Barrow (1630-1677).

Cratere Goldschmidt: denominazione data da Riccoli e dedicata all'astronomo tedesco del 19° secolo Hermann Goldschmidt (1802-1866).

Cratere Anaxagoras: sconosciuto l'autore del nome ma dedicato al filosofo greco del VI° secolo a.C. Anassagora (500-428 a.C.) fu il fondatore della prima scuola di filosofia in Atene e fornì spiegazioni del fenomeno delle eclissi.

Mare Frigoris: Nella mappa di Van Langren del 1645 stava a indicare l'odierno Mare Frigoris e Mare Hyperboreum nella mappa di Hevelius del 1647. L'attuale denominazione di Mare Frigoris comparve per la prima volta nella carta lunare del Grimaldi.

I nomi e i riferimenti storici

www.coelum.com

157

Autolycus