Coelum Astronomia 222 - 2018 - Page 137

www.coelum.com

137

Il crepuscolo astronomico è definito come l’intervallo di tempo dopo il tramonto o prima del sorgere del Sole, in cui vi siano ancora in cielo delle tracce di luce. Il crepuscolo astronomico termina quando spariscono anche le ultime tracce di luce ed inizia la notte astronomicamente intesa, il che capita quando il Sole raggiunge i 18° sotto l’orizzonte. Come istante (all’alba o al tramonto) è definito dall’istante in cui il Sole ha l’altezza –18° sull’orizzonte. Come intervallo di tempo (all’alba o al tramonto) è definito dall’intervallo di tempo che il Sole impiega a passare da 0° a –18° sull’orizzonte.

LA NOTTE ASTRONOMICA

I tempi, in TMEC, sono calcolati per una località a 12° Est e 42° Nord. Il crepuscolo astronomico inizia, o termina, nel momento in cui il Sole si trova 18° sotto l’orizzonte (vedi l’articolo all’indirizzo

www.coelum.com/articoli/risorse/il-crepuscolo).

FINE

CREPUSCOLO

SERALE

INIZIO

CREPUSCOLO

MATTUTINO

DURATA

NOTTE

ASTRONOMICA

DATA

Gen 01 18:32 11:27 05:59

06 18:35 11:25 06:00

16 18:45 11:14 05:59

21 18:51 11:06 05:57

26 18:56 10:58 05:54

31 19:02 10:48 05:50

Hai compiuto un’osservazione?

Condividi le tue impressioni, mandaci i tuoi report osservativi o un breve commento sui fenomeni osservati: puoi scriverci a segreteria@coelum.com.

Inoltre, se hai scattato qualche fotografia agli eventi segnalati, carica le tue foto in PhotoCoelum!

3 maggio, ore 21:00: Congiunzione Venere e Aldebaran

Alle ore 21:00 del 3 maggio potremo assistere a una larga congiunzione tra il pianeta Venere (mag. –3,9), oggetto davvero caratterizzante delle serate di maggio, e Aldebaran (mag. +0,9), la stella alfa della costellazione del Toro, che si sta ormai tuffando in verticale sotto l’orizzonte occidentale. Come anticipato, la separazione tra i due astri sarà piuttosto grande, circa 6,5°: sarà un’ottima occasione per fotografare i due soggetti nel contesto del paesaggio naturale, soprattutto attendendo qualche minuto in più, quando gli astri si faranno via via più bassi sull’orizzonte. Più distante e in basso, verso est, sarà forse possibile scorgere ancora l’ammasso delle Pleiadi (M 45).