Coelum Astronomia 222 - 2018 - Page 132

Sopra. Il grafico mostra l’aspetto dei pianeti durante il mese, con indicati i relativi diametri angolari e, per quelli interni, anche la fase. Il diametro di Saturno è riferito all’intero sistema (anelli inclusi).

PIANETI

Di seguito vengono fornite alcune indicazioni sulle condizioni di osservabilità dei pianeti per il

mese di maggio 2018.

Mercurio

Mag. da +0,3 a –1,5; Diam. da 7,8" a 5,2"

Osservabile con difficoltà la mattina prima dell’alba

Dopo aver superato la massima elongazione occidentale dello scorso 29 aprile, in maggio il piccolo pianeta si dirigerà verso la prossima congiunzione eliaca superiore del 5 giugno. Sarà osservabile con difficoltà all’alba, prima del sorgere del Sole, guardando verso est, sempre molto basso sull’orizzonte. Lo vedremo come una stellina brillante, immersa però nel cielo già piuttosto chiaro del mattino: il giorno 8 maggio la sua magnitudine passa a valori negativi.

Precederà il sorgere del Sole di appena una cinquantina di minuti a inizio mese, margine che si farà via via più esiguo con il passare dei giorni e sarà dunque difficile da osservare con profitto.

Venere

Mag. –3,9; Diam. da 11,5" a 13,1"; Fase da 88,5% a 80,6%

Ottimamente osservabile tutto il mese, alla sera

Prosegue anche in maggio il periodo migliore per l’osservazione di Venere: lo vedremo come una brillante stella (mag. –3,9), molto alto

Coelum Astronomia

132

cambiare i link