Coelum Astronomia 222 - 2018 - Page 130

130

Coelum Astronomia

IL CIELO DI

MAGGIO

di Redazione Coelum Astronomia.

Aspetto del cielo per una località posta a Lat. 42°N - Long. 12°E

La cartina mostra l’aspetto

del cielo alle ore (TMEC):

1 Mag > 00:00

15 Mag > 23:00

30 Mag > 22:00

La nostra stella, che passerà dalla costellazione dell’Ariete a quella del Toro il giorno 14, in maggio continuerà la sua ascesa verso le massime declinazioni positive (già +19° a metà mese), con un incremento (sempre più contenuto man mano che ci si avvicina alla culminazione del solstizio estivo) che porterà a un guadagno di quasi 7° sulla massima altezza del Sole al momento del passaggio in meridiano: da poco più di +63 a +70 gradi per una località posta a 42° di latitudine.

Il Sole descriverà un arco diurno sempre più ampio e la durata della notte astronomica si ridurrà quindi, ulteriormente, passando da 6,3 a meno di 5 ore; ciò significa che verso la metà del mese il Sole si manterrà di almeno 18° sotto l’orizzonte soltanto dalle 22:30 alle 3:45, periodo in cui sarà possibile dedicarsi alla fotografia e all’osservazione del cielo profondo.

IL SOLE

A metà maggio, volgendo lo sguardo verso occidente, potremo ricevere l'ultimo saluto delle costellazioni invernali di Auriga, con la brillante Capella, dei Gemelli e del Cane Minore. La scena, verso sud, sarà invece dominata dalle costellazioni primaverili come il Leone e la Vergine, quasi prive di oggetti nebulari ma ricchissime di galassie di ogni sorta.

Allo zenit, verso nord, volteggerà intanto l’inconfondibile sagoma del Grande Carro e sarà possibile ammirare per intero la grande costellazione dell'Orsa Maggiore. A sudest, nei pressi dell’orizzonte, si affaccerà la testa dello Scorpione, caratterizzata dalla rossa Antares, preceduta dalla Bilancia che ospita il brillante Giove, questo mese in opposizione.

Più a est cominceranno a farsi notare le grandi costellazioni estive come il Cigno, la Lira, con la bella Vega, e l’Ercole.