Coelum Astronomia 221 - 2018 - Page 59

Leggi su Nature l’articolo “An absorption profile centred at 78 megahertz in the sky-averaged spectrum“, di Judd D. Bowman, Alan E. E. Rogers, Raul A. Monsalve, Thomas J. Mozdzen & Nivedita Mahesh

Leggi su Nature l’articolo “Possible interaction between baryons and dark-matter particles revealed by the first stars” di Rennan Barkana.

Leggi su The Astrophysical Journal l’articolo del 2000 “Radio Signatures of H I at High Redshift: Mapping the End of the Dark Ages”, di Paolo Tozzi, Piero Madau, Avery Meiksin e Martin J. Rees

Riferimenti

dell'Universo sia una tanto ricercata prova dell'interazione con la materia oscura.

Insomma, ci troviamo di fronte a due articoli che in un colpo solo fanno luce su due "ambiti oscuri" dell'astrofisica e della cosmologia, quella dell'era primordiale dell'Universo e quello dell'enigmatica materia oscura e per questo motivo c'è chi sostiene che questa osservazione meriterebbe non uno, ma ben due premi Nobel!

www.coelum.com

59

Leggi su Nature l’articolo “An absorption profile centred at 78 megahertz in the sky-averaged spectrum“, di Judd D. Bowman, Alan E. E. Rogers, Raul A. Monsalve, Thomas J. Mozdzen & Nivedita Mahesh

Leggi su Nature l’articolo “Possible interaction between baryons and dark-matter particles revealed by the first stars” di Rennan Barkana.

Leggi su The Astrophysical Journal l’articolo del 2000 “Radio Signatures of H I at High Redshift: Mapping the End of the Dark Ages”, di Paolo Tozzi, Piero Madau, Avery Meiksin e Martin J. Rees

Riferimenti