Coelum Astronomia 221 - 2018 - Page 105

La montatura viene fornita con 3 manuali d'istruzione (2 in inglese e uno in tedesco, ma sul sito astroshop.it è scaricabile la versione in italiano). Ci sono in ogni caso numerosi disegni che spiegano il procedimento passo per passo, senza quasi il bisogno di altre istruzioni scritte, non solo per collegarlo agli smartphone, ma anche a un PC che abbia la possibilità di utilizzare il sistema di connessione Bluetooth 2.0. Nel caso il vostro portatile non fosse dotato di Bluetooth 2.0, sono disponibili in vendita per pochi euro dei mini ricetrasmettitori Bluetooth USB, reperibili sia nei

grandi negozi di elettronica che online. In questo modo anche il vostro computer, con installato il programma Cartes du Ciel® o Stellarium®, sarà in grado di comunicare con la montatura PUSH+.

Ringrazio infine la Omegon per avermi gentilmente dato modo di provare uno strumento decisamente interessante.

Note finali

Da Giove sono passato a una stella scelta a caso per eseguire lo star test. Ho inserito un oculare da 6 mm (166x) e sfocato in intra-focale e in extra-focale. In entrambi i casi gli anelli sono apparsi nitidi, lo strumento è perfettamente centrato e gli spider reggi-secondario sono appena percepibili.

L'anello più esterno è apparso leggermente più luminoso e pieno degli altri: è una situazione normalissima per questo tipo di telescopio a f/5. Tra i due fuochi non ho notato differenze eclatanti, l'aberrazione sferica mi è sembrata ben corretta per uno strumento a corto fuoco, come questo a specchio parabolico. Non ho visto neanche eccessivi errori zonali presenti nell'immagine di diffrazione.

In intra-focale è risultata presente solo un po’ di luce diffusa. A mio parere la lavorazione è al di sopra di un quarto di lambda, un eccellente risultato.

Rimettendo a fuoco con un oculare Plössl da 25 mm (40x) faccio un po’ di Star-Hopping visuale, notando un leggero coma ai bordi del campo inquadrato: una cosa assolutamente normale per questo strumento, accentuata dall'uso di un oculare di tipo Plossl. Ricordiamo che il coma presente può essere ben corretto con l'aggiunta nel treno ottico di un correttore di coma dedicato. Nonostante ciò e l'ostruzione del 32%, la visione nel complesso è gradevole e le stelle appaiono belle e puntiformi.

Le serate successive hanno confermato le prime impressioni. Non ho trovato necessario superare i 250 ingrandimenti, anche se lo strumento è perfettamente in grado di reggere i 400x sul suolo lunare con ancora una ottima messa a fuoco. Purtroppo però, a questo ingrandimento, l’osservazione comincia a essere difficoltosa e poco godibile per via del veloce spostarsi dell'oggetto inquadrato, che scivola via quasi immediatamente dal campo dell’oculare. In questi casi, l’utilizzo di oculari “planetari” a corta focale ma con grande campo apparente (da 60° o più), come ad esempio la serie Omegon Flat ED o la nuova serie Red line, potrebbe essere una buona soluzione.

Star Test

La montatura viene fornita con 3 manuali d'istruzione (2 in inglese e uno in tedesco, ma sul sito astroshop.it è scaricabile la versione in italiano). Ci sono in ogni caso numerosi disegni che spiegano il procedimento passo per passo, senza quasi il bisogno di altre istruzioni scritte, non solo per collegarlo agli smartphone, ma anche a un PC che abbia la possibilità di utilizzare il sistema di connessione Bluetooth 2.0. Nel caso il vostro portatile non fosse dotato di Bluetooth 2.0, sono disponibili in vendita per pochi euro dei mini ricetrasmettitori Bluetooth USB, reperibili sia nei grandi negozi di elettronica che online. In questo modo anche il vostro computer, con installato il programma Cartes du Ciel® o Stellarium®, sarà in grado di comunicare con la montatura PUSH+.

Ringrazio infine la Omegon per avermi gentilmente dato modo di provare uno strumento decisamente interessante.

Ringrazio infine la Omegon per avermi gentilmente dato modo di provare uno strumento decisamente interessante.

www.coelum.com

105