Coelum Astronomia 221 - 2018 - Page 138

Coelum Astronomia

138

Italian Supernovae Search Project

(http://italiansupernovae.org)

Una supernova difficile da classificare

In assenza di scoperte italiane, complice sicuramente anche il meteo avverso di questo periodo che ha ridotto notevolmente il numero di notti utili da dedicare alla ricerca, concentriamo l’attenzione su una particolare e luminosa supernova scoperta la notte del 2 marzo scorso dal veterano ricercatore amatoriale giapponese Koichi Itagaki, giunto con questa alla quota di ben 133 scoperte grazie a cui si posiziona al sesto posto nella Top Ten mondiale degli scopritori amatoriali di supernovae.

La galassia ospite, NGC 2146, è una spirale barrata peculiare posta nella costellazione della Giraffa a circa 60 milioni di anni luce. È una galassia circumpolare per le nostre latitudini, posizionandosi a circa 12° dal Polo. La sua caratteristica principale è la struttura irregolare, con la presenza di un immenso braccio posizionato vicino al nucleo, deformato da un probabile incontro ravvicinato o da una fusione con un’altra galassia più piccola. Questa situazione sembra essere testimoniata anche dall’alta formazione stellare all’interno della galassia, così elevata da far inserire l’oggetto nel novero delle galassie “starburst”.

Al momento della scoperta la supernova, denominata SN2018zd, appariva di mag. +17,8 ma nei giorni seguenti la luminosità è aumentata fino a un massimo intorno alla mag. +13 verificatosi alla metà del mese di marzo.

SUPERNOVAE

A cura di Fabio Briganti e Riccardo Mancini

a

Sopra. SN2018zd in NGC2146 ottenuta da Paolo Campaner con un riflettore da 400mm F.5,5 ed è la somma di 25 immagini da 75 secondi.