Coelum Astronomia 221 - 2018 - Page 137

Purtroppo, come i mesi scorsi, nemmeno aprile ci porta delle comete luminose da osservare, però, a vivacizzare un po’ questo stato di calma piatta, si sta presentando almeno un oggetto la cui luminosità è in crescita e in prospettiva abbastanza interessante…

Si tratta della C/2016 M1 PanSTARRS, scoperta nel giugno del 2016 dal sistema automatizzato che gli ha dato il nome. A luglio potrebbe scendere sotto la decima magnitudine ma, nemmeno a farlo apposta, noi la perderemo di vista già in giugno, quando si inabisserà sotto l’orizzonte, dominando nel cielo australe. Tuttavia, anche in giugno, la cometa non sarà distante dalla sua massima luminosità prevista. Fino ad allora potremo seguire la crescita di luminosità e dato che – a meno di novità – è e sarà l’unico oggetto realmente interessante, proponiamo di cominciare a monitorarlo già da aprile cercandolo tra le stelle dell’Aquila, nella parte meridionale della costellazione dove, con il passare dei giorni, perderà qualche grado in declinazione.

Il momento più favorevole per cercare la cometa coincide la mattina presto, con il termine della notte astronomica, quando l’oggetto avrà raggiunto una discreta altezza in cielo. Per quanto riguarda la luminosità, la M1 PanStarrs dovrebbe crescere da oltre l’undicesima magnitudine di inizio aprile fino attorno alla decima abbondante a fine mese.

Dal mondo delle comete per ora è tutto, passo e chiudo…

Cominciamo a seguire

la C/2016 M1 PanSTARRS

COMETE

di Claudio Pra

www.coelum.com

137

Sopra. La mappa mostra il percorso della cometa C/2016 M1 PanSTARRS nel cielo del mattino (ore 05:00), quando sarà alta più di 35° sull’orizzonte di sud–sudest. La potremo rintracciare tra le stelle dell’Aquila.