Coelum Astronomia 220 - 2018 - Page 85

A distanza di tanto tempo, torno sull’argomento con rinnovato interesse, per fare il punto sulle ricerche in questo campo, tra le più promettenti e innovative dell’astronomia, cercando di ipotizzare i possibili contributi attuali e quelli prevedibili per il prossimo futuro dei non professionisti alla “scienza” dei transiti extrasolari.

Quanti pianeti nella via lattea?

Al 29 novembre 2017, risultavano conosciuti 3.710 pianeti extrasolari in 2.780 sistemi planetari diversi (di cui 621 multipli); inoltre 2.423 è il numero di pianeti candidati e altri 206 possibili pianeti sono in attesa di conferma o controversi.

Qualche anno prima, nel 2013, utilizzando i dati osservativi provenienti dagli archivi della missione spaziale Kepler, ed elaborando dettagliati modelli previsionali, un team di planetologi dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics ha prodotto alcune stime su come i diversi tipi di pianeti potrebbero popolare la Via Lattea (F. Fressin et al., The false positive rate of Kepler and the occurrence of planets, The Astrophysical Journal, Volume 766, Issue 2, article id. 81, 20 pp., 2013).

Questo team ha stimato, per esempio, che il 17% delle stelle ha un pianeta da 0,8 a 1,25 volte la dimensione della Terra con periodi orbitali di 85 giorni o anche meno. Circa il 25% delle stelle ha una cosiddetta "super-Terra" (mondi da 1,25 a 2 volte più grandi della nostra Terra) in un’orbita di 150 giorni o meno. La stessa percentuale (quindi un altro 25%) di stelle ospita un "mini-Nettuno" (un pianeta da 2 a 4 volte la dimensione della Terra) con un periodo fino a 250 giorni. Grandi pianeti come Saturno o Giove sono molto meno comuni. Solo il 5% delle stelle ospita un gigante gassoso con un periodo orbitale di 400 giorni o meno.

Nel complesso questa ricerca ha rilevato che circa il 50% di tutte le stelle della Via Lattea ha un pianeta delle dimensioni della Terra o più grande, in un’orbita a breve periodo. L’estrapolazione e l’incorporazione di dati da altri strumenti suggeriscono che virtualmente tutte le stelle simili al Sole ospitano pianeti. Inoltre, le stelle non devono per forza essere simili al Sole per ospitare un mondo di dimensioni terrestri. È pressoché certo che esopianeti di piccole e medie dimensioni si trovano comunemente anche intorno alle nane rosse, che sono più piccole e più fredde della nostra stella. A conti fatti, si può

Il Kepler Telescope, che ha scoperto molte centinaia di pianeti extrasolari. Crediti:NASA/Ames/JPL-Caltech.

www.coelum.com

85