Coelum Astronomia 220 - 2018 - Page 58

COELUM ASTRONOMIA

58

Sopra. Le fasce di rientro della Tiangong-1 previste dalla Aerospace Corporations. Crediti: aerospace.org

Qui il rapporto completo della Aerospace Corporation.

Sebbene la stazione cinese pesi circa 8.500 kg, (misura 10,4 per 3,5 metri, ha un volume abitabile pressurizzato di oltre 15 metri cubi), proprio come capita per le meteore o “stelle cadenti”, la maggior parte di essa si consumerà durante il rientro in atmosfera, raggiungendo temperature di qualche migliaio di gradi centigradi, e quindi gran parte della struttura in alluminio della Tiangong-1 verrà letteralmente vaporizzata attorno ai 60-80 km.

«Come per le meteoriti naturali, solo una piccola frazione della massa totale (in questo caso quella in materiale a più alto punto di fusione, come il titanio e l’acciaio) cadrà fisicamente al suolo, sotto forma di detriti di diverse dimensioni. Possiamo attenderci quindi pezzi di alcuni centimetri ma, anche sulla base di analoghe esperienze passate, non possiamo escludere la possibilità che alcune parti di dimensioni maggiori possano sopravvivere quasi integre fino al suolo. Detto questo, e a scanso di inutili allarmismi, rassicuriamo comunque che la probabilità di incidente umano per “caduta detriti”, sull’Italia, si stima nello 0,000002%. Ovvero una chance contraria su 50 milioni. Questi numeri sono corroborati anche dal fatto che, negli oltre 60 anni di attività spaziale, non si ha notizia di nessun incidente avvenuto a terra per cause di questo tipo» aggiunge Alberto Buzzoni (INAF-Oas).

Ricordiamo inoltre che la superficie del globo terrestre è per circa il 70% occupata da acqua e da zone desertiche, per cui la probabilità che il rientro possa colpire zone abitate è davvero minima.

Rimane inoltre l’incertezza sul fatto che la Cina stia effettivamente guidando il rientro, per cui la stazione potrebbe essere effettivamente diretta verso una zona dell’Oceano Pacifico nota come “il cimitero dei satelliti”, zona in cui in passato sono stati spesso lasciati precipitare i satelliti artificiali da dismettere.

In una situazione del genere, probabilmente, uno dei rischi più grandi è quello legato alla diffusione di fake news (notizie false) o a una informazione generica, superficiale e imprecisa, tale da suscitare timori senza fondamento e inutili allarmismi.

Le fasce di rientro della Tiangong-1 previste dalla Aerospace Corporations.