Coelum Astronomia 220 - 2018 - Page 52

Dal marzo del 2016, probabilmente a causa di un malfunzionamento dei sistemi di ricarica delle batterie da parte dei pannelli fotovoltaici, la Tiangong-1 non risponde più ai comandi inviati da terra ed è quindi impossibile da parte del controllo missione cinese cercare di indirizzare la caduta verso una zona prestabilita del pianeta.

Con una nota del maggio dello scorso anno all’Unoosa (l’Ufficio per gli affari spaziali delle Nazioni Unite), l’Agenzia Spaziale Cinese CNSA ha infatti informato ufficialmente il mondo che la sua stazione “non funziona più” dal 16 marzo 2016 (“On 16 March 2016, the Tiangong -1 Target Manned Space Vehicle ceased functioning”, si leggeva nella nota all’Unoosa, senza che fossero specificati i motivi del mancato funzionamento).

La situazione tuttavia non è molto chiara per via del grande riserbo che ha la Cina nel diffondere informazioni.

Per mesi sono rimbalzate sui network d’informazione speculazioni relative a una situazione di completa mancanza di controllo della stazione da parte della Cina e dell’impossibilità quindi di manovrare la stazione da terra. In particolare i timori derivano dai toni usati da Wu Ping, vicedirettrice dell’Ufficio Voli Spaziali con Equipaggio, in occasione di una conferenza stampa:

«In base agli studi e ai nostri calcoli la maggior parte del laboratorio andrà distrutta durante il rientro e auspicabilmente non ci saranno

Coelum Astronomia

52

Sotto. Wu Ping, vicedirettrice dell’Ufficio Voli Spaziali con Equipaggio.

Crediti: Xinhua/Ju Zhenhua.

La Tiangong-2 fu lanciata invece il 15 settembre 2016 e da allora la stazione è attiva e porta avanti il programma della CNSA.

Per quanto riguarda la Tiangong-1, sembra che a partire dal 21 marzo del 2016 la CNSA ne abbia perso il controllo da terra (anche se la stazione è in grado di manovrare parzialmente in modo automatico per mantenere l’assetto e il corretto orientamento dei pannelli solari). La Tiangong-1 ha iniziato quindi una lenta ma inesorabile discesa verso terra.

A destra. L’astronauta cinese Liu Yang, la prima donna cinese ad andare nello spazio.

L’inizio della “Questione Tiangong-1”