Coelum Astronomia 220 - 2018 - Page 32

32

Coelum Astronomia

David Bowie a bordo della Tesla Roadster

Operazione di marketing, sogno di un visionario, pietra miliare dell’esplorazione spaziale... Insomma in questo mese ne abbiamo sentite tante sul lancio del Falcon Heavy della SpaceX che ha inviato una Tesla Roadster rossa verso l’orbita di Marte.

Per certi versi, tutta l’impalcatura grafica e l’hype dietro al lancio è una gigantesca e ben riuscita opera d’arte, e l’immagine che la può riassumere, immagine che è stata regalata alla storia, è sicuramente quella di Starman, il manichino con tanto di tuta spaziale SpaceX nuova di zecca, che sfreccia sul bolide fiammante verso il Pianeta Rosso.

La particolarità però non è solo nell’immagine: a tutto volume, nel suo viaggio verso l’orbita di Marte, il manichino avventuriero ascolterà uno dei pezzi che più simbolicamente racconta l’epopea spaziale, Space Oddity di David Bowie (in realtà “ascolterebbe” se potesse, visto che nello spazio i suoni non si sentono…).

Space Oddity costituisce veramente una pietra miliare nella storia della musica, che si lega degnamente all’immagine della Tesla alla deriva nello spazio.

Il Major Tom protagonista della canzone è un eroe solitario creato appositamente da Bowie che su di lui è stato capace di scrivere una vera mitologia da Ashes to Ashes a Hallo Spaceboy. Data l’imponenza e importanza del brano, sappiamo con certezza come Space Oddity abbia aperto la strada a pezzi come Rocket Man di Elton John (e prodotta dallo stesso produttore di Bowie), altra canzone che si addice perfettamente alla figura di Elon Musk. Il visionario fondatore di SpaceX ha parlato così della sua folle scelta: «Abbiamo deciso di mandare qualcosa di diverso, inusuale», definendo invece un comune lancio come “estremamente noioso”.

Tutta questa stravaganza però è stata canalizzata nel modo giusto, con un riferimento importante, musicalmente parlando, al vero Starman tra le stelle, alla deriva totale nello spazio cosmico.

L'associazione tra l'epopea lunare e questo brano è nata ufficialmente quando la BBC nello speciale “Man on The Moon” sparerà per la prima volta a tutto volume Space Oddity, associandola a quelle storiche immagini dell’atterraggio sul suolo lunare. Da quel momento la canzone è diventata un simbolo, un vero cult.

David Bowie, con le sue canzoni, ci ha spiegato, anticipando enormemente i tempi, il presente dell'esplorazione spaziale e ha interpretato al meglio tutti i sentimenti legati allo spazio. Musk, dal canto suo, ha fatto la stessa cosa inquadrando il suo capolavoro ingegneristico in una cornice unica che solo la musica di Bowie poteva creare, formando un indissolubile anello di congiunzione con la cultura pop.

C’è da segnalare che, oltre all’annuncio che la radio della Tesla avrebbe suonato in loop, appunto, Space Oddity, durante la diretta del lancio, la Tesla è entrata in orbita al suono di Life on Mars, mentre le immagini finali della rossa auto elettrica in diretta dallo spazio erano accompagnate dalla bellissima Starman, dalla

di Gianluigi Marsibilio