Coelum Astronomia 220 - 2018 - Page 162

Coelum Astronomia

162

Sopra. Nell’immagine, al centro, l’ammasso NGC 1798: questo ammasso si stacca nettamente meglio dei precedenti dal fondo del cielo stellato risultando più facile all’osservazione. Crediti: DSS2.

Struve 681

Prima di giungere all'ultimo degli ammassi stellari, soffermiamoci per un secondo, 45' a nordovest, a godere della straordinaria bellezza di Struve 681 (AR 05 20 39; Dec +46 57 50), altra doppia con un bel contrasto di colori e magnitudine: la primaria, di magnitudine +6,5, è gialla mentre la secondaria, posta esattamente 23,5" d'arco a sud, appare azzurra pur essendo di tre ordini di grandezza più debole, precisamente di magnitudine +9,6.

Crediti: DSS2.

NGC 1798

Infine, prolungando di una volta e mezza la medesima distanza tra NGC 1883 e Struve 681, in direzione di quest'ultima, giungiamo a NGC 1798, piccolo ma bellissimo ammasso aperto di decima magnitudine che, a differenza dei precedenti, è ben stagliato sul fondo cielo. Il gruppo, lontano oltre 11 mila anni luce, ha la forma di un ovale largo 5', composto da circa 150 stelle con luminosità superiore alla dodicesima grandezza tra le quali figurano numerose stelle dalla tinta gialla, evidentemente evolute.