Coelum Astronomia 220 - 2018 - Page 129

www.coelum.com

129

cielo verso sud, alle ore 5:00, in uno spazio che si estende per circa 50°. In quest’area potremo scorgere la sagoma inconfondibile della costellazione dello Scorpione, con la rossa Antares (Alfa Scorpii, mag. +1,05) – avvicinata dalla Luna il 9 marzo – mentre più a est, praticamente alla stessa altezza, vedremo Marte (mag. +0,9) – in congiunzione con la Luna il 10 marzo. Più a sud-sudest, un po’ più in basso, ci apparirà Saturno (mag. +0,75) – raggiunto dalla Luna l’11 marzo – proprio sopra la famosa “teiera” della costellazione del Sagittario. La corsa finisce con l’incontro con Plutone, il remoto pianeta nano visibile ovviamente solo attraverso l’uso di uno strumento, che sarà avvicinato dalla Luna, sull’orizzonte di sudest, il 12 marzo.

Il secondo scenario, luogo di incontro tra Luna e pianeti, è quello che potremo osservare guardando il cielo verso ovest, alle ore 18:45. Il chiarore del crepuscolo serale sarà ancora invadente a quell’ora ma non tale da precludere l’osservazione dell’incontro tra Luna, Venere e Mercurio (il 18 marzo) e, anche se con maggior difficoltà, con Urano, il 19 marzo. In quest’ultima occasione, si consiglia di attendere che il cielo sia più scuro, una mezz’ora più tardi dell’orario sopra indicato, anche se per scorgere il pianeta sarà necessario utilizzare un telescopio.

I dettagli dei singoli eventi nelle pagine seguenti.