Coelum Astronomia 220 - 2018 - Page 122

Venere

Mag. –3,9; diam. da 10,0" a 10,6"; fase da 97,9% a 94,2%

Osservabile al tramonto

In marzo, Venere continua la sua lenta ascesa sull’orizzonte, mostrandosi luminosissimo, e sarà facilmente riconoscibile a occhio nudo al tramonto, guardando verso ovest. Ci apparirà come una stella brillante che visiterà, nel corso del mese, ben tre costellazioni: i primi giorni del mese sarà in Acquario, per passare poi (il 4 marzo) nei Pesci; dopo una breve parentesi nella Balena (tra il 12 e il 14 marzo), invertirà il moto tornando nei Pesci. Durante il mese Venere sarà costante compagno di viaggio di Mercurio, regalandoci delle magnifiche congiunzioni (di cui parleremo di seguito).

Comincia sicuramente un ottimo periodo per l’osservazione di Venere.

Marte

Mag. da +0,8 a +0,3; diam. da 6,7" a 8,4"

Osservabile nella seconda parte della notte

In marzo, Marte sarà osservabile nella seconda parte della notte (sorgendo, a inizio mese, alle 2:20 anticipando via via con il passare dei giorni). La sua luminosità non sarà eccezionale, con una magnitudine media di +1,0, in miglioramento, ma sarà comunque possibile scorgerlo a occhio nudo, come una stella di colore arrossato. Lo vedremo muoversi di moto diretto prima nella costellazione del dell’Ofiuco, per passare poi, il 12 marzo, tra le stelle del Sagittario, in piena Via Lattea. Per osservarlo o fotografarlo, dunque, sarà necessario essere mattinieri: Marte transita in meridiano alle 6:30 circa a metà mese, quando il cielo però sarà già chiaro, e quindi si può optare per un orario attorno alle 5:00 del mattino per coniugare le condizioni di osservabilità con la comodità.