Coelum Astronomia 220 - 2018 - Page 113

o prima del sorgere del Sole. Potremo anche assistere a dei transiti parziali, con il puntino che d’un tratto sparisce perché entra nel cono d’ombra terrestre.

Attenzione a non confondere i satelliti con degli aeroplani, che mostrano sempre una o più luci intermittenti (a seconda della prospettiva dalla quale li osserviamo) e spesso colorate. Un satellite è caratterizzato invece da una luce fissa di colore bianco, al più giallastra.

Senza la pretesa di essere esaustivi, vediamo quali sono attualmente i transiti più interessanti da seguire.

La Stazione Spaziale Internazionale (ISS), il famosissimo manufatto di oltre cento metri, risulta sicuramente la “stella artificiale” più spettacolare della volta celeste. Nei suoi transiti più favorevoli, quelli alti in cielo, può raggiungere una magnitudine superiore alla –3. In altri casi risulterà meno brillante, ma sempre molto luminosa. Oltre alla luminosità affascina molto il pensare che stiamo osservando un puntino di luce posto circa 400 km sopra le nostre teste che ospita degli uomini a bordo. Se condividete la visione con qualche amico o conoscente, magari non appassionato come voi, preannunciandogli anticipatamente il passaggio e dandogli alcune informazioni, oltre ad affascinarlo farete un figurone e verrete guardati come dei grandi esperti. Ogni mese, Giuseppe Petricca compila per Coelum astronomia una lista dei principali passaggi della ISS da osservare alla quale potete attingere per iniziare.

La ISS viene raggiunta di tanto in tanto dal veicolo spaziale russo Progress, un cargo incaricato di assicurarle i rifornimenti, cosa che qualche anno fa faceva lo Space Shuttle. È possibile, e davvero molto suggestivo, osservare uno di questi veicoli nella fase di avvicinamento o di allontanamento dalla Stazione Spaziale. In sostanza si vedono due puntini a breve distanza l’uno dall’altro, uno dei quali molto più luminoso dell’altro (ovviamente la ISS), che disegnano la medesima traiettoria, quasi giocassero a inseguirsi.

I satelliti per telecomunicazioni Iridium, sparsi a decine in cielo, di per se sono poco appariscenti.

Transito della ISS del 26/12/2014 con a bordo la nostra Samantha Cristoforetti.

www.coelum.com

113