Coelum Astronomia 219 - 2018 - Page 95

www.coelum.com

95

Questi risultati, pubblicati nelle circolari dell’Osservatorio, fecero scalpore. In una lettera di un astronomo di Princeton a Pickering, ecco un commento un po’ acido (dettato dall’invidia?): «Miss Leavitt è davvero una fanatica delle variabili: ne scopre una dopo l’altra, e nessuno riesce a tenere il suo passo».

Nel 1908 Henrietta pubblicò le sue ricerche negli Annals of the Astronomical Observatory of Harvard College, sotto il titolo: “1777 Variabili nelle Nubi di Magellano”. L’articolo è di estrema importanza: a pagina 106 aveva aggiunto una tabella (presente alla pagina successiva in basso) con 16 stelle, sistemate in modo da mostrare fianco a fianco sia i periodi sia la magnitudine, che aveva commentato così: «È da rilevare che le variabili più luminose sono anche quelle contraddistinte dal periodo più lungo». Questa nota racchiude un’informazione straordinariamente importante: se la correlazione che aveva colto si fosse rivelata valida, si sarebbe potuto giudicare le vera luminosità della stella in base al ritmo della sua pulsazione. A quel punto, si sarebbe potuta confrontare la vera luminosità con la luminosità apparente, e stimarne la distanza!

Ed è ciò che Henrietta fece nel 1912, in una memoria apparsa nelle Circolari di Harvard a firma congiunta con Pickering. Qui aveva sottolineato senza indugi che «c’è una notevole correlazione tra la luminosità di queste variabili e la durata del loro periodo». E poi proseguiva: «dal momento che le variabili sono probabilmente quasi alla stessa distanza dalla Terra, il loro periodo sembra essere associato alla loro effettiva emissione luminosa». Aveva scoperto il ruolo di “candela standard” di una classe di variabili, denominate Cefeidi. Oggi abbiamo la certezza che la luminosità assoluta di una Cefeide è determinabile a priori perché è legata in modo stretto al proprio periodo di pulsazione, così come acutamente aveva rilevato Henrietta. Una Cefeide

Diretta web: "La scienza dell'altra metà del cielo"

Diretta web: "La scienza dell'altra metà del cielo"

Una diretta web sul sito www.empiricamente.info in occasione dell’International Day of Women and Girls in Science

EANweb community e l'Associazione culturale Empiricamente, in collaborazione con Coelum Astronomia, promuovono una diretta web che vuole celebrare l'International Day of Women and Girls in Science. L'evento si intitola: "La scienza dell'altra metà del cielo", e sarà condotto in diretta da Enrico Bonfante e da Alan Zamboni. La serata sarà ricca di interviste a protagoniste della scienza e della cultura scientifica.

In apertura della serata, per onorare la memoria di due grandissime scienziate, Rita Levi-Montalcini e Henrietta Swan Leavitt (che, alla sua morte, fu proposta per il Nobel), vorremmo presentare una serie di immagini degli asteroidi che ad esse sono stati intitolati.

Invitiamo pertanto gli appassionati e gli astrofili interessati ed opportunamente attrezzati con telescopi e CCD adeguati (occorre un telescopio di almeno 30 centimetri collocato in un luogo buio) ad eseguire immagini JPG dei due asteroidi che poi devono essere inviate all'indirizzo: eanweb.astronomia.nova@gmail.com via wetransfer.com, entro il prossimo 5 febbraio.

Le effemeridi degli asteroidi sono scaricabili qui: https://yadi.sk/d/aXWCWdMN3RUiiP

GRAZIE PER LA COLLABORAZIONE!

Per maggiori informazioni: www.eanweb.com e www.empiricamente.info

11 febbraio 2018, ore 21:00: "La scienza dell'altra metà del cielo"

Una diretta web sul sito www.empiricamente.info in occasione dell’International Day of Women and Girls in Science

EANweb community e l'Associazione culturale Empiricamente, in collaborazione con Coelum Astronomia, promuovono una diretta web che vuole celebrare l'International Day of Women and Girls in Science. L'evento si intitola: "La scienza dell'altra metà del cielo", e sarà condotto in diretta da Enrico Bonfante e da Alan Zamboni. La serata sarà ricca di interviste a protagoniste della scienza e della cultura scientifica.

In apertura della serata, per onorare la memoria di due grandissime scienziate, Rita Levi-Montalcini e Henrietta Swan Leavitt (che, alla sua morte, fu proposta per il Nobel), vorremmo presentare una serie di immagini degli asteroidi che ad esse sono stati intitolati.

Invitiamo pertanto gli appassionati e gli astrofili interessati ed opportunamente attrezzati con telescopi e CCD adeguati (occorre un telescopio di almeno 30 centimetri collocato in un luogo buio) ad eseguire immagini JPG dei due asteroidi che poi devono essere inviate all'indirizzo: eanweb.astronomia.nova@gmail.com via wetransfer.com, entro il prossimo 5 febbraio.

Le effemeridi degli asteroidi sono scaricabili qui: https://yadi.sk/d/aXWCWdMN3RUiiP

GRAZIE PER LA COLLABORAZIONE!

Per maggiori informazioni: www.eanweb.com e www.empiricamente.info

11 febbraio 2018, ore 21:00