Coelum Astronomia 219 - 2018 - Page 81

www.coelum.com

81

Sotto. Aurora Polare sulle 5 Torri

Un'altra foto dell'eccezionale aurora visibile in Italia del novembre 2003. La foto è stata scattata da Giuseppe Menardi (Associazione Astronomica Cortina) dal Rifugio Scoiattoli (2.200 m) presso le 5 Torri (Cortina).

Alcune delle foto più belle scattate dagli astronauti dallo spazio sono proprio relative alle aurore polari che ballano sui poli del nostro pianeta. Ora, le foto non sono solo belle foto, grazie anche a un progetto dell'ESA che le rende scientificamente utilizzabili.

L'aurora costituisce infatti un mezzo visivo per studiare il tempo atmosferico e spaziale (space weather) e le condizioni nelle regioni superiori della nostra atmosfera. Proprio come il Sole è determinante per il tempo sulla Terra, l'attività solare influenza anche il "tempo spaziale", che a sua volta può interferire con le trasmissioni radio, i satelliti e persino con la fornitura di energia elettrica.

Gli scienziati studiano meteorologia spaziale e l'aurora usando satelliti come Cluster e Proba-2 dell'ESA, ma anche attraverso una rete di telecamere a terra. Queste telecamere soffrono però spesso dell'oscuramento da parte di nuvole o neve e la copertura dall'emisfero sud è difficoltosa a causa dell'impossibilità di piazzare delle telecamere alle migliori latitudini per osservare l'aurora.

Di conseguenza, le fotografie scattate dalla Stazione Spaziale Internazionale sono molto preziose e possono fornire informazioni utili a migliorare le stime dell'altezza e della lunghezza dell'aurora. Alcuni picchi aurorali raggiungono i 500 km di altezza, il che significa che la Stazione Spaziale a volte vola attraverso di essi.