Coelum Astronomia 219 - 2018 - Page 80

Coelum Astronomia

80

forme nel giro di pochi minuti. La seconda invece (pag 74), risale al maggio 2016, e fu il frutto di più di tre ore di attesa per un totale di soli, ma spettacolari, dieci minuti di attività aurorale, con ammassi verdastri a disegnare forme nel cielo notturno, sovrastati da cime violacee. In quella occasione fu particolare il fatto che le volute erano sospese su un cielo pieno di stelle ma ancora illuminato dalla residua luce arancione del tramonto, alla mezzanotte locale. Data la latitudine sia il tramonto astronomico che quello nautico svaniscono durante i mesi tardo primaverili ed estivi, causando l’impossibilità di osservare le aurore polari tra la fine di maggio e la fine di settembre, con qualche giorno di scarto nel caso di fenomeni particolarmente intensi.

Le Aurore dalla Stazione Spaziale