Coelum Astronomia 219 - 2018 - Page 76

Coelum Astronomia

76

magnetico della Terra da stazioni al suolo e integrandole con i dati provenienti dai satelliti nello spazio, tra i quali SOHO (Solar and Heliospheric Observatory), SDO (Solar Dynamic Observatory) e ACE (Advanced Composition Explorer). Tutte queste risorse possono quindi fornire previsioni più o meno in tempo reale sull’attività del cosiddetto ovale aurorale.

Come visibile nella figura, maggiore è l’intensità dell’ovale e maggiore sarà la possibilità di osservare aurore forti e luminose nelle zone sotto l’ovale stesso o vicine, in termini di distanza latitudinale. Dato che il fenomeno dell’aurora polare avviene ad alta quota nell’atmosfera, possiamo quindi osservarlo, durante gli eventi più intensi, anche a grande distanza dal Circolo Polare Artico.

Crediti: NOAA/Ovation.

Sopra. Le app per controllare le previsioni di arrivo di un'aurora boreale sono innumerevoli, sia per sistemi android che per sistemi ios... qui vedete solo i primi (di molte decine) risultati in una ricerca nel Google Store.