Coelum Astronomia 219 - 2018 - Page 45

www.coelum.com

45

Sopra. Una bellissima immagine della corona solare, ripresa da Liborio Ribaudo, Marco Cardin e Stefano ottani (Associazione Astronomica Euganea, PD), in occasione dell’eclissi totale di Sole del 29 marzo 2006 a Sallum in Egitto.

condotto un'analisi con l'Allen Telescope Array e, successivamente, il 13 dicembre anche il progetto Breakthrough Listen, del miliardario russo Yuri Milner, si è impegnato in un'analisi della durata di circa 10 ore sfruttando il radiotelescopio da 100 metri del Green Bank Telescope situato in Virginia, USA.

«Con il nostro equipaggiamento al Green Bank, siamo in grado di rilevare un segnale simile a quello di un cellulare in uscita da questo oggetto», ha affermato Milner a Scientific American. «Non vogliamo fare del sensazionalismo, e siamo molto realisti sulla possibilità che si tratti di un oggetto artificiale ma, poiché questa è una situazione unica, pensiamo che l'umanità possa permettersi 10 ore di osservazione con le migliori attrezzature per controllare un'ipotesi di bassa probabilità».

Tutte le osservazioni condotte, in ogni caso, non hanno rivelato alcunché.

L'astrofisico Avi Loeb della Harvard University e consulente presso la Breakthrough Foundation, inoltre, ha sottolineato come la rotazione di 'Oumuamua sia inefficace e inefficiente per la generazione di gravità artificiale e anche la sua velocità di movimento, sebbene elevatissima, sarebbe comunque insufficiente per affrontare dei viaggi interstellari.

Insomma l'ipotesi dell'oggetto artificiale è completamente da escludere ma, ciò non di meno, questo asteroide interstellare è una vera grande scoperta.

Il radiotelescopio di Green Bank (West Virginia, USA). Crediti: NRAO.