Coelum Astronomia 219 - 2018 - Page 3

l'Editoriale di Gabriele Marini

Cari Lettori,

eccoci al nostro consueto appuntamento con Coelum Astronomia, un incontro per parlare insieme del cosmo. Come sempre, ad animarci è quella passione, quell'amore atavico per le stelle accesosi millenni fa quando i nostri antenati, per la prima volta, hanno rivolto lo sguardo alla volta stellata e ne sono rimasti incantati. Grandi sono infatti la bellezza e il mistero che quelle piccole scintille luminose hanno il potere di generare anche se, purtroppo, quella stessa flebile luce è, ogni giorno, sempre più a rischio di scomparire. Ogni notte, alzando lo sguardo verso l'Universo, si rinnova quell'amore e quell'antico interesse ma come potrebbe essere una notte in cui, alzando gli occhi al cielo, nessuna stella verrà incontro alla nostra fantasia con la sua luce a rinnovare quell’incanto?

In questo numero, in modi diversi, parliamo di luci celesti: alcune sono le benvenute, altre sono invece dannose. Un esempio recente che ricade nella seconda categoria lo troviamo nell'attualità, ne potete leggere nel notiziario: si chiama Ramses II ed è un maxi-faro allo xenon in grado di scagliare nel cielo una colonna luminosa che, quasi come una spada, va a trafiggere le stelle, oscurando la loro luce. Emblematica è l'immagine del cacciatore Orione che soccombe, colpito da quella "spada di luce" contro cui nemmeno la sua potenza può nulla. La questione dell'inquinamento luminoso è seria e va sempre tenuta in debita considerazione per non rischiare di perdere per sempre quel tesoro celeste di cui tutti noi possiamo beneficiare ogni notte.

Fortunatamente però non tutte le luci del cielo sono il frutto dell'attività umana e, con Giuseppe Petricca, andremo alla scoperta delle "Luci del Nord", le aurore polari. Un fenomeno naturale di grande fascino e bellezza, come testimoniano in modo eloquente le magnifiche fotografie che potete ammirare, a partire dalla copertina di questo mese. Tuttavia le aurore non sono solo luci e colori, ma anche la fonte di tanta scienza, in grado di farci comprendere l'invisibile ma saldo legame che esiste tra il nostro pianeta e il Sole, in un delicato equilibrio di forze ed energie estreme. Forse qualcuno resterà sorpreso dal fatto che le aurore non sono un fenomeno solo terrestre ma che, con modalità e caratteristiche differenti, si presentano anche sugli altri pianeti del Sistema Solare.

Rimanendo in tema di luci che compaiono in cielo, con Flavio Castellani, andremo alla scoperta delle "Stelle Nuove" o Novae, stelle che improvvisamente e inaspettatamente "si accendono", andando a definire un nuovo "puntino luminoso" nella volta stellata. Ma cosa sono esattamente queste "nuove luci", queste "stelle nuove" e qual è il meccanismo che le governa? Andremo alla scoperta di questo fenomeno attraverso un'intervista con Ulisse Munari (Osservatorio INAF di Asiago) e conosceremo il gruppo di ricerca ANS, riservando una particolare attenzione alle possibilità di ricerca che un astrofilo può compiere per lo studio di queste particolari stelle.

Infine, con Giorgia Hofer, conosceremo meglio un altro fenomeno luminoso, rapido e fugace, un bagliore momentaneo e intenso, dovuto al passaggio di un satellite artificiale: gli Iridium Flare. Scopriremo quindi come attrezzarci per osservare e riprendere questi curiosi flash di luce.

Troverete poi numerosi altri contenuti, tra cui un approfondimento su 1I 'Oumuamua, il primo asteroide interstellare osservato, e un interessante articolo di Rodolfo Calanca per conoscere meglio alcune delle figure femminili che hanno fatto la storia dell'Astronomia, un articolo pensato in occasione dell'International Day of Women and Girls in Science.

Presentiamo inoltre un bellissimo analemma solare, realizzato da Samuele Pinna, frutto di un lungo e preciso lavoro durato un anno intero.

Per tutti gli osservatori, nel Cielo del Mese e nelle rubriche dedicate troverete tanti spunti per osservare e fotografare i fenomeni celesti: non dimenticate di mandarci le vostre impressioni o raccontarci le vostre esperienze osservative (le aspettiamo su segreteria@coelum.com). PhotoCoelum è inoltre sempre a disposizione per raccogliere i vostri scatti fotografici, i migliori dei quali saranno proposti, mese per mese, qui nella rivista.

Buona lettura

Pubblicazione mensile di divulgazione astronomica e scientifica

Anno 21 Numero 219

Editore: MAASI Media srl

Copyright © 2018 - MAASI Media srl

Tutti i diritti sono riservati a norma

di legge.

È permessa la riproduzione del materiale pubblicato con citazione obbligatoria della fonte, previa autorizzazione scritta dell’editore. Manoscritti, disegni e foto non richiesti non verranno restituiti.

Direttore: Gabriele Marini

Direttore Scientifico: Renato Falomo (Osservatorio di Padova)

Marketing e pubblicità:

ads@maasi-media.com

Redazione: Lara Sabatini, Paola De Gobbi

Hanno collaborato a questo numero:

Paolo Bacci, Francesco Badalotti, Giorgio Bianciardi, Fabio Briganti, Rodolfo Calanca, Flavio Castellani, Alex Cherney, Carlo Colonnello, Mario Di Sora, Eleonora Ferroni, Diego Gaspari, Giorgia Hofer, Marco Malaspina, Riccardo Mancini, Gabriele Marini, Giuseppe Menardi, Luigi Morielli, Ulisse Munari, Gian Luigi Pazienza, Giuseppe Petricca, Samuele Pinna, Claudio Pra, Maura Sandri, Stefano Schirinzi.

Photo Coelum

Alessio Beltrame, Omar Carlino, Giuseppe Conzo, Piermario Gualdoni, Luca Moretti, Yuri Puzzoli, Carlo Rocchi, Raimondo Sedrani.

Redazione

Via Fiorentina 153 - 53100 Siena

segreteria@coelum.com

www.coelum.com

Registrato il 27/08/97 al n. 1269 del registro Stampa del Tribunale di Venezia

Direttore Responsabile: Stefano Boccardi

IN COPERTINA

Una danza di colori e luci nel cielo per una splendida e coloratissima aurora che potrebbe benissimo essere stata ripresa in un paese del Nord Europa. In realtà si tratta di una ripresa effettuata nel Nord Italia, a Cortina, quando, il 20 novembre 2003, una eccezionale aurora si è manifestata anche alle nostre latitudini. Foto cortesia di Diego Gaspari (Cortina).

3