Coelum Astronomia 219 - 2018 - Page 20

Titano, tra cielo e mare

di Redazione Coelum Astronomia

Coelum Astronomia

20

Titano, la più grande luna di Saturno, pur così lontana è forse il mondo che, per certi versi, più assomiglia alla nostra Terra. Unico altro mondo nel Sistema Solare ad avere oceani liquidi stabili sulla superficie, proprio come la Terra ha dei mari, laghi e fiumi e un ambiente meteorologico con nubi, piogge, nebbie e foschie. La somiglianza però si ferma qui.

I mari e i laghi di Titano sappiamo già da tempo che non sono di acqua liquida ma sono formati da idrocarburi (come metano, etano, propano) e sono invece i bacini che li contengono ad essere formati da solido ghiaccio d’acqua ricoperto di uno strato di materiale organico.

Ma proprio come i nostri oceani, una nuova mappa topografica di questa luna di Saturno mostra come anche su Titano esista un “livello del mare”, ovvero un’altezza media delle acque che si pareggiano distribuendosi in base alla gravità della luna.

È questa l’ultima scoperta che ci arriva dal sistema del Signore degli Anelli. La nuova mappa, pubblicata il 2 dicembre 2017 su Geophysical Review Letters, ottenuta dai dati ora completi provenienti dalla sonda Cassini, rivela nuovi rilievi montani (non superiori ai 700 metri), i tre grandi mari e numerosi laghi di alta quota.

La presenza di un livello medio delle acque, e la presenza di laghi di alta quota vicini con un livello simile tra loro, è una scoperta importante, spiega