Coelum Astronomia 219 - 2018 - Page 118

118

Coelum Astronomia

Giove

Mag. da –2,0 a –2,2; diam. da 9,8" a 10"

Osservabile nella seconda parte della notte

Il re dei pianeti del Sistema Solare sarà ben osservabile nella seconda metà della notte in febbraio: lo troveremo tra le stelle della Bilancia, splendente di magnitudine –2,1. Sarà facile quindi individuarlo in cielo a occhio nudo e, già con un binocolo, offrirà un grande spettacolo. Sorgerà all’1:45 a inizio mese, per anticipare ancora, a poco dopo la mezzanotte a fine mese: avremo quindi numerose ore per osservarlo. Complessivamente le condizioni osservative di Giove miglioreranno sempre più, essendosi già avviato verso l’opposizione che raggiungerà a maggio.

Saturno

Mag. +1,5; diam. da 35" a 36,1" (anelli inclusi)

Osservabile prima dell’alba

Avevamo lasciato Saturno, il mese scorso, in condizioni di non ottima visibilità mattutina ma in deciso miglioramento, un miglioramento che ci permetterà di goderne questo mese, con il pianeta che sarà osservabile nella magnifica costellazione del Sagittario. Saturno anticiperà il sorgere del Sole di poco più di due ore (a inizio mese) per superare le tre ore a fine mese, dandoci quindi modo di organizzarci per l’osservazione. Anche se sarà visibile a occhio nudo – guardando a sudest, a metà mese, alto circa 10° (apparirà come una stella brillante di mag. +1,5) – è con un telescopio, anche di piccolo diametro, che sarà possibile vederne l’anello. Transiterà a poca distanza dalle stelle mu Sagittarii (mag. +3,8) e lambda Sagittarii (mag. +2,8).

Urano

Mag. da +5,8 a +5,9; diam. da 3,5" a 3,4"

Osservabile la sera dopo il tramonto

Lo troveremo nella costellazione dei Pesci e potremo cercarlo già subito dopo il tramonto, quando sarà alto più di 50° sull’orizzonte di ovest-sudovest. Purtroppo sono finiti i tempi in cui era possibile osservare Urano tutta la notte: il pianeta infatti tramonterà circa 4 ore dopo il Sole a fine mese. Potremo rintracciarlo grazie alle stella omicron Piscium da cui sarà distante circa 2° 15’ a fine mese.

Nettuno

Mag. da +8; diam. 2,2"

Osservabile dopo il tramonto nella prima decade del mese

Difficile (e in peggioramento) l’osservabilità di Nettuno, il remoto pianeta gassoso del Sistema Solare, che all’inizio di febbraio ci darà, probabilmente, le ultime possibilità di vederlo. Già alle 18:30, dopo il tramonto a inizio mese, sarà piuttosto basso, circa 15°, tra le stelle della costellazione dell’Acquario. Dopo la prima decade, con il tramonto sempre più ritardato, Nettuno scomparirà nelle luce del crepuscolo serale risultando quindi impossibile da osservare: si è ormai avviato verso la congiunzione con il Sole, che raggiungerà il 4 di marzo.

link