Coelum Astronomia 218 - 2018 - Page 56

Coelum Astronomia

56

giorno teoricamente uguale a quella della notte. Ma sappiamo che questa circostanza in realtà non cade nello stesso giorno, a complicare le cose contribuiscono infatti molti altri fattori (diffusione atmosferica, rifrazione, etc.).

Il 28 marzo potremo assistere a una interessante congiunzione tra Venere e Urano, rispettivamente di magnitudini –3,9 e +5,9: i due pianeti si porranno a una distanza di soli 20 primi d’arco. Bassi a occidente dopo il tramonto, saranno visibili entrambi solo con un binocolo o un telescopio. L’osservazione di Venere infatti sarà possibile anche a occhio nudo, essendo molto brillante, ma per Urano sarà necessario l’ausilio di uno strumento ottico.

Concludiamo il mese proprio il 31 marzo quando si verificherà nuovamente l’occasione per osservare una seconda Luna Piena nello stesso mese, caratterizzando ancora di più quest’anno, avente ben quattro lune piene tra gennaio e marzo, ma nessuna in febbraio!

Sopra. In marzo si verificherà per la seconda volta nel giro di pochi mesi una seconda Luna Piena durante lo stesso mese (era già avvenuto anche in gennaio). Questa bella ripresa è stata effettuata da Anna Maria Catalano-Franco Traviglia (vedi PhotoCoelum).

Aprile

Come abbiamo visto, il 2 aprile il pianeta Mercurio sarà in congiunzione con il Sole, tornando quindi a essere inosservabile. Venere resterà la sola “Stella della sera”.

Il 4 aprile potremo invece osservare Saturno e Marte, rispettivamente di magnitudini +0,5 e +0,3, in congiunzione distanti circa un grado (il doppio della dimensione apparente della Luna Piena). Con Marte leggermente più luminoso e dalla colorazione rossastra, ma comunque molto simili.

La Luna Nuova questo mese cadrà il giorno 16, lasciando il cielo buio per osservazioni più profonde.

Il 19 aprile sarà Urano ad essere in congiunzione con il Sole, risultando quindi inosservabile.

Nella notte tra il 22 ed il 23 aprile avremo il picco dello sciame meteorico delle Liridi, uno sciame minore. Lo ZHR di questo sciame non è molto