Coelum Astronomia 218 - 2018 - Page 55

www.coelum.com

55

rispettivamente di magnitudini –0,4 e –3,9, distanti circa un grado, quindi il doppio della dimensione apparente della Luna Piena.

Sempre il 4 marzo toccherà a Nettuno entrare in congiunzione con il Sole e scomparire dal nostro campo di vista.

Il 15 marzo invece Mercurio darà spettacolo! Trovandosi alla massima elongazione orientale, sarà facilmente avvistabile dopo il tramonto. Quest’anno e in questa occasione, sarà accompagnato dal suo vicino Venere. I due creeranno una coppia facilmente riconoscibile lungo l’orizzonte occidentale. Anche Venere infatti sarà facilmente visibile a ovest, nel cielo del tramonto, guadagnando via via altezza sull’orizzonte con il passare dei giorni. Mercurio però, dopo il 15 marzo, lo abbandonerà, precipitando velocemente sull’orizzonte ovest verso la congiunzione eliaca di inizio aprile.

Il 17 marzo tempo di Luna Nuova e di osservazioni del cielo profondo!

Il 20 marzo cadrà l’Equinozio di Primavera, alle 17:15 ora italiana. Il Sole attraverserà, dal nostro punto di riferimento, l'equatore verso nord. Sorgerà quasi perfettamente a est e tramonterà quasi perfettamente a ovest, con una durata del

Sopra. Il 15 marzo, al tramonto, potremo assistere ad una bella congiunzione tra Mercurio e Venere che appariranno brillanti nel chiarore del crepuscolo serale. Sempre il 15 marzo Mercurio sarà alla massima elongazione est risultando visibile al meglio.