Coelum Astronomia 218 - 2018 - Page 28

Coelum Astronomia

28

Voyager 1

Il 28 novembre scorso la NASA ha inviato alla sonda Voyager 1 un comando di accensione dei motori di assetto per correggere il puntamento dell’antenna di comunicazione. L’errore massimo nel puntamento, da una distanza di 21.146 milioni di chilometri dalla Terra, può essere di 0,1° e purtroppo dopo 40 anni nello spazio il controllo di assetto della sonda aveva bisogno di un piccolo aiuto. Talmente piccolo da comportare un’accensione di pochi millisecondi che, non essendo prevista nella progettazione iniziale dei propulsori, ha richiesto un extra impegno per capire e correggere questi comandi nel linguaggio di programmazione originario. Tutto è andato per il meglio e dopo aver inviato il comando e atteso le 19 ore per ricevere conferma, si è ottenuto il risultato sperato. Macchine incredibili questi Voyager, i veicoli costruiti dall’uomo più lontani dal loro pianeta natale. Per ulteriori informazioni, leggi il notiziario di questo stesso numero. Per saperne di più sull’incredibile Missione Voyager e sulle scoperte che ha portato, leggi lo speciale su Coelum Astronomia 217.

Una rappresentazione artistica di una delle due sonde Voyager.

Crediti: NASA/JPL-Caltech, Bureau of Labor Statistics.

New Horizons

La sonda New Horizons ha acceso i suoi propulsori il 9 dicembre 2017 per 152 secondi per modificare leggermente la sua traiettoria in direzione dell’oggetto della fascia di Kuiper chiamato 2014 MU69 che raggiungerà, secondo il programma attuale, il 1 gennaio 2019. Eseguita a 6.100 milioni di chilometri dalla Terra, stiamo parlando della correzione di rotta più lontana mai fatta da un artefatto umano. Abbiamo appena parlato della correzione della sonda Voyager 1, ma c’è una differenza sostanziale rispetto all’accensione dei motori della Voyager, in quanto