Coelum Astronomia 218 - 2018 - Page 119

www.coelum.com

119

Complimenti a Giuseppe per il magnifico scatto, che abbiamo il piacere di presentare qui in tutto il suo splendore!

Lo scorso 4 dicembre, giorno della Luna Piena di perigeo (nota volgarmente come “Superluna”), non sono purtroppo riuscito a osservare il suo sorgere a causa di fitte nubi all'orizzonte, una compagnia pressoché costante qui a Stornoway, nel nord della Scozia. Aspettando con pazienza le previste schiarite che sarebbero dovute arrivare intorno alla mezzanotte, sono stato piú che fortunato nell'osservare una magnifica corona lunare alta nel cielo. Personalmente, la migliore che abbia mai visto con i miei occhi, con colori vivissimi negli anelli centrali, che l’hanno resa una vera meraviglia della natura.

Le corone lunari (o solari) sono formate dalla diffrazione della luce su piccole gocce d'acqua, oppure piccoli cristalli di ghiaccio. Nella forma completa, visibile nella fotografia, si possono apprezzare diversi anelli concentrici con colori cangianti dall'arancio fino al viola, dal verde fino all’azzurro. Normalmente, più le gocce della nube sono piccole e uniformi in dimensione, piú evidente e piú grande sarà la risultante corona.

Lo scatto è stato realizzato con una Canon EOS 700D 18MP insieme a un teleobiettivo Canon EF-S 55-250 mm impostato a 135 mm, con un tempo di posa di 10 secondi a ISO 400. Realizzando varie esposizioni successive e fondendole insieme, per ricreare con più fedeltà quel che l'occhio umano riesce a percepire, otteniamo lo scatto qui presente.

È da notare come le corone siano differenti dagli aloni solari o lunari, in quanto questi sono formati dalla rifrazione (e non la diffrazione) della luce sulle gocce d'acqua/cristalli di ghiaccio. La prima forma un disco detto appunto di diffrazione o Disco di Airy (che gli astrofili conoscono bene, in quanto influenza il limite di risoluzione di una lente nei telescopi), mentre l’alone è una sorta di aureola a distanza dalla fonte di luce.

Una Super Corona Lunare

di Giuseppe Petricca

Lo scorso 4 dicembre, giorno della Luna Piena di perigeo (nota volgarmente come “Superluna”), non sono purtroppo riuscito ad osservare il suo sorgere a causa di fitte nubi all'orizzonte, una compagnia pressoché costante qui a Stornoway, nel nord della Scozia. Aspettando con pazienza le previste schiarite che sarebbero dovute arrivare intorno alla mezzanotte, sono stato piú che fortunato nell'osservare una magnifica corona lunare alta nel cielo. Personalmente, la migliore che abbia mai visto con i miei occhi, con colori vivissimi negli anelli centrali, rendendola una vera meraviglia della natura.

Le corone lunari (o solari) sono formate dalla diffrazione della luce su piccole gocce d'acqua, oppure piccoli cristalli di ghiaccio. Nella forma completa, visibile nella fotografia, si possono apprezzare diversi anelli concentrici con colori cangianti dall'arancio fino al viola, dal verde fino all’azzurro. Normalmente, più le gocce sono piccole e uniformi in dimensione nella nube e piú evidente e piú grande sarà la risultante corona. Lo scatto è stato realizzato con una Canon EOS 700D 18MP insieme ad un teleobiettivo Canon EF-S 55-250 mm impostato a 135mm, con un tempo di posa di 10 secondi ad ISO 400.

Realizzando varie esposizioni successive e fondendole insieme per ricreare con più fedeltà quel che l'occhio umano riesce a percepire, otteniamo lo scatto qui presente. È da notare come le corone siano differenti dagli aloni solari o lunari, in quanto questi sono formati dalla rifrazione (e non la diffrazione) della luce sulle gocce d'acqua/cristalli di ghiaccio.

Complimenti a Giuseppe per il magnifico scatto, che abbiamo il piacere di presentare qui in tutto il suo splendore!