Coelum Astronomia 217 - 2017 - Page 122

http://sky.esa.int

Crediti: NASA/AMES/JPL-CALTECH.

È arrivato ESASky 2.0!

di Fabrizio Giordano - ESASky Team

Nel mese di ottobre, durante la conferenza annuale The Astronomical Data Analysis Software and Systems (ADASS) tenutasi a Santiago del Cile, l’ESA ha ufficialmente presentato la versione 2.0 di ESASky.

Per chi non lo conoscesse, ESASky è un'applicazione web sviluppata in ESA ESAC (Madrid) dal gruppo ESDC di cui faccio parte. Tale applicazione permette di accedere ai dati di tipo “science ready” delle missioni astronomiche dell’ESA e non solo – XMM, Hubble, Herschel, ISO, Planck ma anche Chandra della NASA e SUZAKU di JAXA.

Non è necessario che l’utente sia un esperto di una particolare missione per utilizzare ESASky e non è richiesto alcun tipo di login per accedere ai dati.

Il punto di forza di ESASky è il suo immediato approccio visivo e la capacità di riflettere le azioni dell’utente direttamente sulle mappe astronomiche (HiPS) generate direttamente dai dati delle missioni astronomiche.

Ora contiamo 71 HiPS pubblicati su ESASky.

Le novità in ESASky 2.0 rispetto alla precedente versione (1.5) sono sostanziali. Descriverò brevemente quelle che ritengo più importanti e d’impatto. Il mio invito è comunque quello di aprire un browser web e iniziare subito a usarlo: basta accedere all’indirizzo http://sky.esa.int.

Prima di tutto abbiamo ridisegnato l’interfaccia web, stando però attenti a non stravolgerla troppo per non disorientare l’utente.

Uno dei cambi sostanziali consiste nell’aver rimosso il bottone “Open data panel”, che nella

Coelum Astronomia

122

Leggi le puntate precedenti:

- ESASKY nascita e evoluzione di

un progetto su Coelum 207

- ESASKY 1.5 tutte le novità su

Coelum 210