Coelum Astronomia 215 - 2017 - Page 89

Manca poco più di un mese all’inizio della terza stagione di C’è Spazio, format di TV2000 che racconta lo Spazio e le meraviglie dell’Universo, e queste sono le cronache redatte da uno dei fieri componenti della redazione del programma, team egregiamente guidato dal nostro Capitano Letizia Davoli, ideatrice, autrice e conduttrice della

trasmissione.

Oggi siamo all’interno dell’Auditorium dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) per assistere all’evento organizzato in occasione del Grand Finale di Cassini. Di fianco a me Letizia è impegnata a riportare impressioni e parole di questa giornata sull’account Twitter di C’è Spazio. Insieme a noi giornalisti, astrofisici, planetologi e ingegneri aerospaziali sono in spasmodica attesa

del momento in cui la sonda invierà il suo ultimo segnale sulla Terra, dopo il suo ultimo, straordinario tuffo nell’atmosfera del gigante gassoso. C’è tristezza in sala per la fine di questa straordinaria avventura, ma anche l’entusiasmo e l’eccitazione per la convinzione che questa non sarà la fine del viaggio, ma solo l’inizio di una nuova fase, quella in cui verrà processata la grande mole dei dati inviati, sollevando il velo su tanti dei misteri ancora insoluti non solo di Saturno, ma dell’intero Sistema Solare.

Perché l’esplorazione della nostra casa tra le stelle si è rivelata piena di risvolti incredibili, di tecnologie straordinarie, di momenti epici e drammatici, di persone che danno la vita per un progetto che può durare anche decenni. Ma sempre con lo stesso entusiasmo di una matricola al primo giorno di lezione alla facoltà di Astronomia. La stessa luce negli occhi, la stessa voglia di scoprire, di creare conoscenza, sapendo che si lavora non per il profitto ma per portare nel futuro l’intera Umanità.

Durante la preparazione di questa serie ne ho incontrate tante, grazie alle tre agenzie che sostengono il programma – ESA, ASI e INAF – molte verranno in studio a raccontare le loro missioni, molte sono già in lista d’attesa per la prossima serie, ma ognuna di loro ha una storia incredibile da raccontare. Storie che parlano di spazio, di pianeti lontani, di sonde avventurose, di stelle e di galassie. Sembra di tornare piccoli ma, in fondo, la magia del Cielo è proprio questa:

risvegliare in noi la meraviglia di quando eravamo bambini. Sembra impossibile, nella vita frenetica di tutti giorni. Ma è quello che cerchiamo di fare noi di C’è Spazio: regalarvi 90 minuti per tornare a sognare.

Diario di bordo, data astrale 201709.15.

www.coelum.com

89