Coelum Astronomia 215 - 2017 - Page 70

70

Coelum Astronomia

A chi non ha vissuto intensamente gli anni ’50 e ’60, nel modo in cui mio fratello ed io li abbiamo vissuti, oggi può sembrare quasi impossibile che qualche ora dopo l’annuncio dato da Radio Mosca dell’immissione in orbita terrestre del primo satellite artificiale, due giovani appassionati di telecomunicazioni siano riusciti ad intercettarne il segnale, il noto “bip-bip”.

Anche per noi la straordinarietà non consisteva solo nel fatto che quell’emissione provenisse dallo spazio “…da tanto lontano…” come ripetevano i giornali, ma ancor più dall’esser riusciti a individuare un trasmettitore in movimento così veloce nel nostro cielo, averlo ascoltato e registrato. È stato un fatto eccezionale, unico nella storia dei nostri ascolti sulle onde corte.

Le frequenze radio sulle quali veniva emesso il segnale furono due: 20,005 e 40,002 MHz. Le sole informazioni tecniche comunicate da Radio Mosca unitamente alla quota di volo di 900 chilometri.

I fratelli Achille e Giovanni Battista Judica Cordiglia

Achille (1933 – 2015) e Giovanni (1939 – vivente) sono due appassionati di telecomunicazioni degli anni sessanta, celebri per essere riusciti ad ascoltare i segnali provenienti dai primi satelliti, sia sovietici che americani, fra i quali lo Sputnik 1, lo Sputnik 2 e l'Explorer 1.

Giovanni Battista (a destra) fin dai primi anni ‘50 si occupa di telecomunicazioni, di registrazioni audio e di fotografia tecnico-scientifica. Appassionato di cinema è inoltre attivo sceneggiatore e regista di documentari tecnico-scientifici come ad esempio “Top secret radio”, un video sull’esplorazione spaziale durante la guerra fredda, presentato al Congresso mondiale di astronautica nel 1997. Giovanni Battista è tecnico fonico presso il Tribunale di Torino.

Achille (a sinistra nella foto), mancato nel gennaio 2015, ha condiviso con il fratello la passione per le radiocomunicazioni scegliendo però l’indirizzo professionale del padre. Ha infatti conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia con specializzazione in Cardiologia. Nel 1967 si è inoltre specializzato in Medicina Aeronautica e Spaziale presso l'Università di Roma.