Coelum Astronomia 215 - 2017 - Page 30

Ma cosa significa esattamente “gioviano caldo” (Hot Jupiter, in inglese)?

Sono chiamati così pianeti di massa e raggio simili a Giove che orbitano intorno alle loro stelle a distanza ravvicinatissima: pochi milioni di chilometri, che si traducono in anni della durata di circa una settimana terrestre o spesso meno. A causa della grande vicinanza alla loro stella, sono bloccati in rotazione sincrona (rivolgono sempre la stessa faccia alla stella) e sono sottoposti a una potentissima irradiazione. Soffrono pertanto di condizioni climatiche estreme: temperature superficiali ben superiori ai 1.000 gradi, forti venti che distribuiscono il calore anche nell’emisfero non illuminato, atmosfere “gonfie” come soffici palloni, che avvolgono questi pianeti rendendo difficile la determinazione delle loro esatte dimensioni.

I gioviani caldi sono anche, in parte, un mistero per la planetologia: secondo le teorie correnti, non è possibile che dei giganti gassosi si formino a così breve distanza da una stella. Gli astronomi pensano, invece, che questi pianeti nascano oltre la cosiddetta linea del ghiaccio (frost line) e che solo successivamente, per via di interazioni gravitazionali non ancora ben comprese, migrino nella strana posizione in cui, grazie alle moderne tecnologie, sono stati scoperti.

Dati al settembre 2017.

Coelum Astronomia

30