Coelum Astronomia 215 - 2017 - Page 23

OpportunityMarte, Sol 4853 (18 settembre 2017).

Il MER-B si trova nella “Perseverance Valley” posta sul bordo occidentale del cratere Endeavour.

L’inverno sta riducendo progressivamente l’energia disponibile per il rover e quindi gli spostamenti vengono accuratamente calcolati in modo da spostarsi sempre verso una zona favorevolmente inclinata verso il Sole. Da queste posizioni Oppy si occupa di rilevare attentamente la situazione morfologica della Perseverance Valley, in modo da combinare tutti i dati presenti nel database e costruire una mappa digitale completa tridimensionale in grado di svelare la formazione e le origini della valle stessa.

Nonostante la ricerca dei posizionamenti favorevoli, il rover deve allungare i tempi fra spostamenti consecutivi soprattutto a causa della continua riduzione della radiazione solare sui suoi pannelli. Durante uno spostamento del Sol 4836, Opportunity ha superato il valore di 45 km percorsi sulla superficie del Pianeta Rosso. Non male per un “vecchietto” che lavora in un ambiente proibitivo da quasi tredici anni!

Al Sol 4841 (5 settembre 2017), l’energia generata dai pannelli solari è stata di 285 Wh con una opacità atmosferica (Tau) di 0,533 e un fattore polvere sui pannelli di 0,507 (pannelli perfettamente puliti hanno un fattore polvere di 1). Tutti i sistemi sono in condizioni di funzionamento nominale.

L’odometria totale è ora a 45,02 km percorsi sulla superficie di Marte.

www.coelum.com

23

Mars Exploration Rover

Crediti: NASA/JPL.

Mars Science Laboratory

CuriosityMarte, Sol 1819 (18 settembre 2017).

Il grande rover sta salendo lungo le pendici del Monte Sharp, una formazione rocciosa alta 4800 metri posta al centro del cratere Gale, dove è atterrato oltre cinque anni fa.

Inizia la salita più impegnativa per MSL, ma anche il suo obiettivo principale: infatti, deve ora arrampicarsi superando un dislivello di circa 65 metri e passare vicino a una serie di stratificazioni in modo da poterle analizzare da vicino. Essendo in una situazione potenzialmente pericolosa, questa serie di spostamenti evolverà man mano visto che verrà calcolata, collaudata ed effettuata quasi in real time, analizzando il percorso man mano che lo si raggiungerà. Sarà l’ennesima conferma che

questo tipo di missioni sono un mix di pianificazione ed esplorazione.

Ad oggi il rover ha percorso 17,32 km sulla superficie marziana superando un dislivello complessivo di circa 300 metri. Intanto il lavoro prosegue.

Sotto. Cratere Gale. Crediti: NASA.