Coelum Astronomia 215 - 2017 - Page 159

Ti piace la Guida Osservativa di Coelum?

Condividila con i tuoi amici!

7 ottobre 2017

21:18 - La Luna (h = 12°; fase = 94%) occulta la stella mu Ceti (SAO 110723; m = +4,3) con AP = 356°. L’occultazione termina alle 21:33 (h = 15°; AP = 323°).

21:20 - L'asteroide (186) Celuta in opposizione nei Pesci (dist. Terra = 1085 UA; m = +10,7; el. = 180°).

www.coelum.com

159

8 ottobre 2017

00:28 - Marte all'afelio: massima distanza dal Sole (1,666 UA; dist. Terra = 2,526 UA; m = +1,8; el. 24°; Leone).

03h - Massimo dello sciame meteorico delle Draconidi (DRA) o Giacobinidi, generato dalla cometa 21P/Giacobini-Zinner. Si prevede uno ZHR ~20 in cattive condizioni osservative a causa del disturbo luminoso da parte della Luna (fase = 94%); il radiante si trova nella testa del Drago, nei pressi della stella Rastaban (beta Draconis): AR = 17,6h; Dec = 55,8°).

15:17 - Massima librazione lunare nord (7,3°; AP = 348°): favorita l'osservazione del Mare Frigoris.

20:26 - L'asteroide (173) Ino (m = +13,6) occulta la stella TYC 5632-00827-1 (m = +11,2). Si prevede una caduta di luminosità di 2,5 magnitudini per una durata di 4,6 secondi. La linea teorica attraversa il Nord Italia (http://www.asteroidoccultation.com).

5 ottobre 2017

06:00 - Venere (h = 8°; m = –3,9) passa 21’ a sud nordovest di sigma Leonis (SAO 118804; m = +4,0).

06:30 - Marte (h = 13°; m = +1,8) passa 32’ a ovest di sigma Leonis (SAO 118804; m = +4,0).

14:25 - L'asteroide (71) Niobe in opposizione in Pegaso (dist. Terra = 2,244 UA; m = +12,0; el. = 152°).

19:20 - Luna Piena.

8

7

6 ottobre 2017

00:31 - La Luna (h = 19°; fase = 100%) occulta la stella 33 Ceti (SAO 109715; m = +6,0 con AP = 99°. L’occultazione termina alle 06:43 (h = 9°; AP = 221°).

06:10 - Venere (h = 10°; m = –3,9) passa 21’ a sudest di Marte (m = +1,8).

12h - Mercurio (m = –1,0) in transito nel campo del coronografo LASCO C2 fino al l’11 ottobre.

6

Si verifica l’Eclisse Totale di Sole nota come quella di Archiloco, il poeta greco nativo dell’isola di Paro, dell’arcipelago delle Cicladi, vissuto probabilmente nel VII sec. a.C. La datazione è legata proprio all’evento astronomico da lui descritto nel frammento che segue (Fr. 122 West), identificato con l’eclisse che ha attraversato il mediterraneo nel 647 (o 648) a.C.; esiste anche la possibilità però che la registrazione del poeta sia da attribuire a una eclissi precedente, quella verificatasi nell’anno 710 (711) a.C., il che ante daterebbe l’attività di Archiloco al periodo compreso fra VIII e VII secolo.

Di cose non ve n’è alcuna che non ci si possa attendere,

né che si possa escludere con giuramento,

né che susciti meraviglia, da quando Zeus, padre degli Olimpi,

di mezzogiorno fece notte, avendo nascosto la luce del sole che splendeva,

ed un agghiacciante terrore invase gli uomini. Da allora

tutte le cose diventano credibili e attendibili per gli uomini.

Nessuno di voi più si stupisca a tal vista, neppure

qualora le fiere ricevano in cambio dai delfini il pascolo marino

e ad esse le risonanti onde del mare diventino più gradite

della terraferma, e per quelli invece sia più gradito immergersi

tra gli anfratti del monte.

6 aprile 647 (o 648) AC - Anniversario

5

La galassia a spirale barrata NGC 5398 fotografata da Hubble. Crediti: NASA/ESA.