Coelum Astronomia 215 - 2017 - Page 155

Inizia invece nel migliore dei modi il mese di settembre per il veterano ricercatore di supernovae forlivese Giancarlo Cortini, che nella notte del 1° settembre mette a segno la sua scoperta numero 27 individuando un nuovo transiente di mag. +16 nella galassia NGC 3172 posta nella costellazione dell’Orsa Minore a circa 280 milioni di anni luce. La galassia ospite si trova a solo un grado dal Polo Nord, quindi come la precedente è circumpolare e visibile tutta la

notte. Questa è la galassia più a nord nel catalogo

NGC, soprannominata per questo “Polarissima Borealis” e la supernova esplosa al suo interno è la terza più settentrionale mai scoperta. Le altre due più vicine al Polo Nord sono state la SN2010af esplosa sempre in NGC 3172 e la SN2004fy esplosa invece nella vicina PGC 36268 piccola galassia posta a soli 2’ a sud di NGC 3172. Nella notte del 14 settembre, dall’Osservatorio Roque

de los Muchachos a La Palma nelle Isole Canarie con il Nordic Optical Telescope da 2,56 metri è stato ottenuto lo spettro di conferma. Si tratta di una supernova di tipo Ia scoperta pochi giorni dopo il massimo di luminosità, con i gas eiettati dall’esplosione che viaggiano ad una velocità di circa 9700 Km/s. A questa supernova è stata perciò assegnata la sigla definitiva SN2017gla.

www.coelum.com

155

Sotto. la SN2017gla ottenuta da Paolo Campaner con il suo telescopio a riflessione da 400mm F.5,5.

dopo il massimo di luminosità. Purtroppo, al momento in cui scriviamo, nessun osservatorio professionale ha ottenuto lo spettro di conferma e pertanto a questa supernova è rimasta assegnata la sigla provvisoria AT2017gly.

A destra. la SN2017gly ottenuta da Paolo Campaner con il suo telescopio a riflessione da 400mm F.5,5.