Coelum Astronomia 215 - 2017 - Page 131

Emisfero Ovest

Guardando a Ovest

Osservando il cielo verso ovest, sono ancora alte le deboli stelle di Ercole e del Boote o Bifolco. Vicina si nota la piccola costellazione della Corona Boreale. Stanno ormai scomparendo all’orizzonte la Vergine (dove, in questo periodo, possiamo trovare ancora il brillantissimo Giove con il suo caratteristico colore giallo paglierino) con la Bilancia e il Leone. Se guardiamo verso nord, è ancora alta l’Orsa Maggiore con i Cani da Caccia.

I Cani da Caccia hanno interessanti oggetti all’interno, come abbiamo mostrato il primo lunedì di giugno nel consueto incontro su Astronomiamo.it. Ecco nella prossima pagina al telescopio remoto UAI (ASTRA #2), Chara, una stella gemella del Sole posta a 27 anni luce dalla Terra e M 3 nei Cani da Caccia, un antico ammasso globulare a 35.000 anni luce dalla Terra.

Visualizza la Mappa del Cielo dell'Emisfero Ovest

M 3 è uno degli ammassi globulari più grandi e belli, all’osservazione telescopica con strumenti abbastanza generosi, che contornano la nostra galassia. Composto da 1 milione di soli anziani, 500 000 masse solari distribuite in una sfera di 180 anni luce di diametro, in cui le stelle si trovano a distanze estremamente più ravvicinate tra loro di quanto avvenga nel disco della galassia. Vecchio quasi quanto l’Universo, 12 miliardi di anni, come rivelato dai guizzi di centinaia di stelle variabili, segno della loro strada verso la senescenza. Posto a 35 000 anni luce dalla Terra, si situa in pieno spazio extragalattico. Orbita in 100 milioni di anni intorno al centro della Via Lattea.

L’Ammasso Globulare M 3

Le giovanissime stelle in gestazione nascoste dentro le nebulose gassose, proprio come nella Sh2-173, si manifestano poi in tutto il loro splendore. Nella pagina precedente, NGC 7635, la “nebulosa bolla” in Cassiopea, formata dalla pressione di radiazione di una giovane stella azzurra, fotografata al telescopio remoto ASTRA #1. Alla fine, dissolti i gas, quel che resta sono centinaia di stelle che appaiono in un grande grappolo di giovani soli. Ecco il ricco ammasso stellare aperto NGC 7789 in Cassiopea al telescopio remoto ASTRA # 1.

www.coelum.com

131

Sopra. NGC 7789, ammasso stellare aperto in Cassiopea. Telescopio Remoto ASTRA#1 (Ritchey-Chrétien, 1354 mm/5.4 & SBIG ST8XME su GM2000, Vidor, TV). Massimo Tatarelli.